Bangkok, Thailandia: la guida completa

Bangkok, Thailandia: la guida completa

Bangkok, Thailandia: la guida sui luoghi da visitare su dove dormire, dove mangiare e come muoversi. Una guida che ti aiuterà a scoprire la meraviglia di questa città affascinante. 7 capitoli, 90 pagine di informazioni tutte consultabili on the go. Lasciati trasportare dalla città degli Angeli e inizia un viaggio straordinario.

Bangkok Tour, esperienze fuori dal comune a contatto con la popolazione locale

Come funziona e cosa troverai nella Guida di Bangkok

Ho cercato di creare una guida di Bangkok facilmente consultabile ed intuitiva che spieghi in modo efficace come visitare questa città tanto bella quanto complessa. Qui ti spiego come la guida è divisa capitolo per capitolo

Capitolo1: I Fondamentali

in questa sezione troverai tutte le informazioni  che ti servono per organizzare il tuo viaggio in Thailandia come ad esempio

Come fare il passaporto on line:

Per entrare in Thailandia c’è bisogno di un passaporto con almeno 6 mesi residui dalla data di scadenza. Siccome le procedure per richiedere il passaporto sono piuttosto lunghe devi assolutamente organizzarti con grande anticipo. Qui sono spiegate tutte le varie fasi per districarsi nel complicato mondo dei passaporti on line.

Documenti ed informazioni indispensabili:

Tutte le informazioni legate a: schede telefoniche, cambio moneta, app utili per gli spostamenti, assicurazioni di viaggio, (che tra le altre cose hai anche uno sconto del 10% sull’ assicurazione HeyMondo) sportelli bancomat, power bank, sigarette elettroniche. medicinali, cambio, street food, cibo vegano, vegetariano e gluteen free, norme di comportamento, cosa portare e non portare in valigia.Tutte informazioni super utili per preparare al meglio il tuo super viaggio.

Guida Bangkok

Capitolo 2: Come arrivare a Bangkok dall’ areoporto

Qui ti spiego quali sono i mezzi di trasporto per arrivare dall’ areoporto Internazionale Suvarnabumi.

Rail link: il modo più economico per muoversi dall’ areoporto al tuo Hotel. Tutte le fermate che devi conoscere per muoverti velocemente.

Taxi: Se hai tanti bagagli e non vuoi prendere Bus e treni ma vuoi arrivare comodamente al tuo alloggio il taxi è il mezzo migliore. Qualche accorgimento e via verso la meta.

Bus Express: altro mezzo per spostarsi dall’ areoporto al tuo alloggio è il Bus Express. Ferma nelle stazioni principali come: Khaosan, Sukhumvit, Silom, Wat Chanasongkhram – Sanam Luang

Guida Bangkok

Capitolo 3: Come muoversi a Bangkok

In questo capitolo trovi tutte le informazioni su come muoverti a Bangkok: Traghetti, Metropolitana, Bts, Taxi e Tuc Tuc. Le mappe, le fermate e anche le App che puoi utilizzare per rendere la tua esperienza migliore in giro per la città degli Angeli.

Capitolo 4: Vivere Bangkok: Dove Dormire, dove mangiare, cosa fare

Questo capitolo è diviso per quartieri, qui troverai le informazioni inerenti a:

Sukhumvit

La vicinanza ai trasporti pubblici rende questa zona uno dei luoghi più popolari in cui soggiornare nella Città degli Angeli. Qui troverai una selezione dei:

  • Migliori roof top
  • I bar segreti
  • Cosa visitare
  • Dove mangiare.

Siam e Pathuwan (Pratunam)

Se ami fare acquisti devi visitare questi due quartieri. Si trovano proprio nel centro della città, dove le due linee BTS si incrociano, e ospitano alcuni dei più incredibili negozi di lusso di tutto il sud-est asiatico.Non c’è solo lo shopping ma anche ristoranti e posticini interessanti da visitare. Qui troverai una selezione di:

  • Cosa vedere
  • i Mercati
  • Centri Commerciali
  • Ristoranti tradizionali

Silom:

E’ il distretto finanziario della città, ma è anche un ottimo posto in cui soggiornare a Bangkok. Non mancano rooftop bar e localini interessanti. Qui troverai una selezione dei:

  • Migliori roof top
  • Cosa visitare
  • Dove mangiare.

Tour Templi Bangkok : China Town

Bangkok old Town

Il centro storico di Bangkok è uno dei luoghi più interessanti e autentici della Città degli Angeli. Qui trovi le attrazioni più conosciute: il Palazzo Reale, il Tempio del Buddha di Smeraldo, il Wat Pho, il Wat Arun, ma anche tanti luoghi super interessanti fuori dai soliti itinerari turistici. Ho creato
Questa zona incornicia il fiume Chao Phraya ed è proprio il fiume che la caratterizza e la divide in due parti: nella parte ad Est si trovano tutte le attrazioni più importanti della Città Antica mentre nella parte ad Ovest si trova quella che possiamo definire una vera e propria comunità fluviale.

Zona est del fiume

  • Dove dormire: i Boutique Hotel più interessanti
  • Cosa vedere
  • Dove Mangiare
China Town

I panorami, i suoni e gli odori della China Town di Bangkok sono un vero e proprio assalto ai sensi quindi cerca di arrivare preparata. Una giornata a zonzo tra i vicoli del mercato e i venditori di cibo di strada Grazie al mix di culture cinese e thailandese, questa parte della città è unica e affascinante: troverai templi mozzafiato, cibo di strada pazzesco e tanto altro. Qui troverai una selezione dei:

  • Dove dormire: i Boutique Hotel più interessanti
  • Cosa vedere
  • Dove Mangiare
  • i Bar più fighi
Soi Rambuttri e Khao San rd

Khao San Road e Soi Rambuttri si trovano nella zona Banglamphu, la prima una famosa
destinazione per i backpacker nota per i suoi alloggi economici, bancarelle di cibo di
strada con bar e club rivolti soprattutto ai giovani viaggiatori.

  • Cosa vedere
  • Dove mangiare

Zona ad Ovest del Fiume

La zona più rilevante ad Est del fiume è Thonburi: una comunità fluviale situata sulle rive occidentali del fiume Chao Phraya. Fu la capitale della Thailandia per un breve periodo nel 1768, dopo che Ayutthaya fu distrutta dai birmani. Dopo che la capitale fu spostata dall’altra parte del fiume, Thonburi divenne una città separata, ma ora è uno dei tanti quartieri che compongono la città antica di Bangkok.

  • Dove dormire, Boutique hotel più interessanti
  • Dove Mangiare
  • Mercati
  • comunità
L’ isola di Koh Kret

Koh Kret è una piccola isola artificiale sul fiume Chao Phraya che si trova nella provincia di Nonthaburi, a nord di Bangkok. Koh Kret è un’antica isola, tipo villaggio, dove soggiornano i Mon (Etnia Birmana). Ottima per una gita di un giorno se vuoi vedere come vivevano le persone negli anni passati in Thailandia. La ceramica è una delle attrazioni principali ed anche una delle principali fonti di occupazione per la gente del posto.

  • Cosa fare a Koh Kret
  • Dove Mangiare
  • Dove dormire: Guest house

Capitolo 5: Le comunità locali ed i mercati galleggianti

A Bangkok esistono Comunità che sono identificate dai loro gruppi etnici discendenti dai primi immigrati o da mestieri tramandati di generazione in generazione. Parliamo di quartieri fondati su un legame di parentela, fede o artigianato che connotano l’identità dei loro abitanti. Sono fatte di vicoli stretti, case di legno, botteghe, in certi casi anche scuole, punti di ritrovo e Templi. Sono Comunità coese che lottano per portare avanti le loro tradizioni centenarie e qui di seguito ti parlo di alcune di loro.

I Mercati galleggianti

Oltre ai mercati galleggianti più famosi Bangkok ne ospita altri più piccoli e caratteristici. Alcuni mercati si trovano all’interno della Città mentre altri sono ubicati all’esterno. oltre a quelli che ho scritto qui, in questo articolo, nella guida ne troverai altri.

Barche nel floating Market

Capitolo 6:  must see e tesori nascosti

Una serie di suggerimenti di luoghi da vedere assolutamente durante il tuo viaggio a Bangkok

Capitolo 7 : Come muoversi da Bangkok per altre destinazioni in Thailandia

Tutto quello che devi sapere per muoverti da Bangkok ad altre destinazioni Thailandesi. da come prenotare un biglietto a quali sono le stazioni di riferimento.

Super Bonus:

Acquistando la guida riceverai fino ad Agosto 2024 una mail con info utili e news!

Cosa aspetti, acquista subito la guida di Bangkok!

Nb: La guida esce il 3 di Agosto 

Bangkok, Thailandia: la Guida

 

 

 

 

Chiang Rai: Attrazioni e attività da non perdere

Chiang Rai: Attrazioni e attività da non perdere

Chiang Rai, attrazioni ed attività da non perdere in questa città della Thailandia settentrionale.

Chiang Rai è decisamente meno sviluppata della Rosa del Nord, Chiang Mai, ma non per questo è meno affascinante, anzi! La maggior parte dei Turisti viene per visitare i Tre Templi più importanti: Il Tempio Bianco, Il Tempio Blu e la Casa Nera. Molto spesso in giornata. Questi Templi di recente costruzione sono stati pensati per poter portare i visitatori verso questa cittadina che non teneva il confronto Turistico con la vicina Chiang Mai.

Ma a Chiang Rai e zone limitrofe c’è veramente di più e te lo scrivo qui, in questa mini guida che ti da tutte le informazioni sulle attrazioni e attività da non perdere!

il Tempio Bianco di Chiang Rai: Chiang Rai: Attrazioni e attività da non perdere

Cosa visitare a Chiang Rai :

Iniziamo con i Templi più famosi

Wat Rong Khun

Meglio conosciuto come Tempio Bianco è decisamente il Tempio più iconico e visitato della città.  E’ stato costruito nel 1997 da un artista Thailandese Chalermchai Kostipipat . Il Tempio ha un design davvero particolare, unico nel suo genere. E’ di colore bianco che simboleggia la luce del Buddha. Gli specchi che sono inseriti nella struttura invece simboleggiano la saggezza del Buddha che brilla sempre ed ovunque. Ogni dettaglio ha un significato; come le mani che escono dal terreno prima dell’entrata che rappresentano i desideri terreni che minacciano il raggiungimento dell’illuminazione.

Come in molti Templi Thailandesi ( vedi il Templio di Bekham a Bangkok) il Templio Bianco riporta al suo interno ( dove non si possono fare fotografie e video) murales con personaggi di arte contemporanea come: i Simpson, Micheal Jackson, Batman. Nonostante sia un Templio molto Turistico è un luogo di grande rilevanza religiosa per i Thailandesi.

  • Prezzo del Biglietto per gli stranieri Thb 50
  • Apertura: Dalle 8,00 all 18,00 tutti i giorni

 

Il Tempio Blu di Chiang Rai: Chiang Rai: Attrazioni e attività da non perdere

Wat Rong Suea Ten

Meglio conosciuto come Tempio Blu, è un templio dai colori sgargianti sulla tonalità Blu e oro.  Anch’ esso è stato progettato dall’artista Thailandese Chalermchai Kostipipat. Al suo interno si possono ammirare le storie della tradizione Buddista: Dei e divinità, Animali mitologici, demoni e creature infernali.
  • Prezzo del Biglietto: Gratis
  • Apertura:  dalle 7,00  alle ore 20,00
La Casa Nera di Chiang Rai: Chiang Rai: Attrazioni e attività da non perdere

La Casa Nera

Baan Dam, la casa nera, è stata creata dall’ artista Thailandese Thawan Duchanee, originario di Chiang Rai. La casa nera è costituita da una serie di edifici di legno color nero, all’interno ci sono teschi, pelli e altri oggetti che rappresentano il male e la morte. La Casa Nera è la rappresentazione del lato oscuro degli umani. L’ artista ha creato anche Baan Khwam Rua, la casa bianca, che rappresenta il lato luminoso dell’ essere umano.
  • Prezzo del Biglietto: 80 Thb
  • Aperura dalle 9,00 alle 17,00
Il Grande Buddha Bianco diChiang Rai: Chiang Rai Attrazioni e attività da non perdere

Il Buddha Bianco di Guan Yin, Huay Pla Kang

La grande statua di Guan Yin è alta 35 mt ed stata terminata nel 2008. La statua è un’omaggio alla Dea Cinese, Guan Yin, Dea della compassione, venerata sia nella Religione Buddista che Taoista. La statua è situata su una collina da dove si gode una vista spettacolare. Molti devoti vengono qui per pregare, fare offerte affinche possa portare protezione e guarigione.

  • Prezzo del Biglietto: 40 Thb
  • Aperura dalle 7,00 alle 18,00

Il Giardino della Regina Madre a Chiang Rai

Doi Tung

Il Doi Tung si trova a circa 48 Km da Chiang Rai, vicino al confine con la Birmania, è una cima alta 2000 mt ed offre un clima fresco. Il Doi Tung ospita molte attrazioni interessanti tra cui il Giardino ed il palazzo della Regina Madre, il museo Mae Fah Luang ed il villaggio Akha.

Il Giardino della Regina Madre

Mae Fah Luang Garden, il giardino fondato nel 1987 sul volere di Sua Maestà Sirikit, la regina Madre. Un giardino che promuove lo sviluppo sostenibile volto a migliorare la vita delle comunità locali. Un area di circa 10 ettari dove i visitatori possono ammirare piante e fiori tropicali, cascate artificiali, giardini tematici.

Triangolo d’oro

Se nomini Chiang Rai, la prima cosa che viene in mente è il triangolo d’oro. Ma cos’è? dove si trova? come ci si arriva?

Il Triangolo d’oro è una regione che si trova tra i confini di:Thailandia, Laos e Birmania, il nome Triangolo d’oro è stato dato dalla coltivazione dell’oppio, molto diffuso in quella zona. I confini sono delimitati dal fiume Mekong tra Laos e Thailandia ed il fiume Ruak tra Thailandia e Birmania. La coltivazione di Oppio nel triangolo d’oro ha raggiunto il suo apice negli anni 70.

Le Tribù come gli Akha, i Karen ed i Lisu erano coinvolte nella coltivazione dell’oppio. Questo veniva estratto e poi trasportato attraverso la frontiera dei tre paesi e contrabbandato.

La Thailandia negli anni 80 ha avviato diverse azioni politiche contro questa attività inserendo il progetto “Sostituzione delle culture illecite”, progetto al quale hanno aderito varie agenzie governative tra i quali l’ Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine incoraggiando i coltivatori di oppio a passare a colture alternative sostenibili, ma soprattutto legali. In questo periodo sono nate le coltivazioni di: fragole, kiwi, mele ecc. Questo approccio ha contribuito ad aiutare economicamente  le comunità ed a diminuiore drasticamente la coltivazione dell’oppio.

Come si arriva al triangolo d’oro

La distanza dipende molto dal punto specifico scelto, ma in generale il punto più vicino e famoso da raggiungere dista circa 70 km dalla città, quello dove si possono ammirare i tre paesi che si uniscono per intenderci. Il tempo di percorrenza e’ di circa di 2 h in macchina.
Ci sono diversi punti d’ attrazione all’ interno della regione del triangolo d’oro come i Villaggi tribali: I Karen,gli Akha, i Lisu, i Hmong, tutte etnie presenti anche in Laos e Birmania. Queste tribù vivono di agricoltura e commercio legato al turismo.
Le Donne Giraffa di Chiang Rai

Le Donne Giraffa: Chi sono, dove si trovano e perchè non dovresti visitare il loro villaggio

La Tribù più conosciuta è quella delle Donne Giraffa. Esse appartengono all’etnia Karen, vengono chiamate Paduang o Karen Long Neck e provengono principalmente dalla Birmania. Sono famose  per l’uso di anelli d’ottone attorno al collo e sono una delle attrazioni turistiche più famose della regione.
Ci sono due villaggi dove è possibile incontrarle  uno è a Chiang Mai, il più famoso, il “Baan Tong Luang” l’altro vicino a Chiang Rai il ” “Huay Pu Keng”. Ovviamente l’ ingresso è a pagamento e va dai  500 thb ai 250 thb ( che èdavvero tanto)
Ma quello che non sappiamo è che dietro a queste belle Signore dai sorrisi smaglianti che vediamo in tutto il web c’è una storia di sfruttamento da parte dell’ industra turistica. Se vogliamo andare più nel dettaglio c’è da sapere che molte di loro sono costrette a indossare gli anelli per scopo di lucro, hanno difficoltà ad accedere ai servizi sanitari e  vengono discriminate perchè molte comunicano con l’idioma nativo. Insomma, la loro condizione non è proprio idilliaca, cosa ne dite? Se non volete rimanere delusi non andate!

Ban Doy Din Dang Pottery Village

Il Ban Doy Din Pottery Village è rinomato per la sua lunga tradizione nella lavorazione e produzione di ceramiche artigianali. Qui potrai vedere i gli artigiani che utilizzano tecniche tradizionali passate di generazione in generazione. Dista circa 30 Km da Chiang Rai. Si può raggiungere in taxi e tuc tuc, ovviamente contratta il prezzo prima di partire eh!

Alba al Phu Chi Fa -Chiang Rai: Attrazioni e attività da non perdere

 Ammirare l’ alba dal Phu Chi Fa

Il Phu Chi Fa è una montagna alta 1440 mt che si trova vicino al confine con il Laos. E’ famosa per la vista spettacolare che si gode dalla sua cima soprattutto all’alba. Oltre alla vista, il Phu Chi Fa è apprezzato dagli amanti del Trekking, difatti esistono diverse vie escursionistiche che portano fino alla cima.

Come ci si arriva:

In autobus: Si possono prendere Bus da Chiang Rai fino a Thoeng, distretto nelle vicinanze del Phu Chi Fa, poi da li un taxi locale oppure uno scooter.

Tour Organizzati: Molte agenzie locali offrono Tour e trekking. Perfetti per chi non vuole pensare a tutto il trambusto dell’ organizzazione.

il Villaggio del Thè: Chiang Rai: Attrazioni e attività da non perdere

Mae Salong: Il villaggio del The

Mae Salong, anche conosciuta come Santikhiri dista circa 70 Km da Chiang Rai. Questa città fu fondata da soldati cinesi, fuggiti dalla Cina dopo la guerra del 1949. Il Governo Thailandese concesse loro delle terre in cambio gli uomini dovevano contrastare  il traffico di oppio. Oggi è famosa per il suo thè di alta qualità, ma anche per la cucina che combina influenze cinesi con quelle Thailandesi

Come raggiungere Mae Salong: Si può raggiungere con autobus pubblici che partono dalla stazione degli autobus di Chiang Rai, ci vogliono diverse ore per raggiungerla. O altrimenti con Taxi privati, ovviamente contrattare il prezzo prima della partenza.

I mercati di Chiang Rai: Chiang Rai: Attrazioni e attività da non perdere

 

I mercati locali di Chiang Rai
Chiang Rai Night Bazar, il mercato più famoso che si tiene ogni sera lungo la Thanalai Road.Si può trovare di tutto dagli oggetti di artigianato ai vestiti ed ovviamente tanto cibo.
Saturday Night Market: Il mercato del Sabato sera. Noto per le esibizioni culturali, musica dal vivo e tanto cibo. Non mancano oggetti di artigianato e prodotti locali.
Chiang Rai Farmer’s Market: Un mercato agricolo che vende prodotti freschi. Si tiene ogni primo sabato del mese
Chiang Rai Antique Market: Qui si possono trovare oggetti di antiquariato locale. Si tiene ogni secondo sabato del mese
Dove mangiare a Chiang Rai

Dove mangiare a Chiang Rai:

Oltre ai mercati Night Bazar e Saturday nighjt market, ci sono dei posticini interessanti dove provare il cibo locale Lanna e non solo. Qui te ne elenco qualcuno
Larb Sanam Keela: Probabilmente uno dei Ristoranti più rinomati dove mangiare il cibo Lanna. E’ molto ricco di carne ma che viene sempre accompagnato da erbe fresche: Manzo al vapore, Zuppa di maiale sono solo alcuni dei piatti lanna che si possono assaggiare
Lu Lam Restaurant: Altro Ristorante molto gettonato il Lu Lam Restaurant. Si trova sul fiume. In questo ristorante si possono mangiare dei piatti davvero particolari come: Larve di vespe o zuppa di sngue di maiale, ma ovviamente si possono mangiare ancje piatti più tradizionali
Khao Tom Jor Charoenchai: Un ristorante che offre cibo cinese e Thailandese, perfetto per una pausa dal cibo Lanna

Chivit Thamma Da Coffee House:Una splendida casa coloniale situata lungo il fiume. Perfetta per il Relax. Bevande a base di caffè.

Come arrivare a Chiang Rai da Chiang Mai

Per arrivare da Chiang Mai a Chiang Rai il mezzo più utilizzato è il Bus. La compagnia si chia Green Bus, per vedere gli orari ed il costo dei biglietti ti conviene andare su: bookaway.com. Il tempo di percorrenza è di circa 3h e 45 ma questo dipende molto dal tipo dalla rotta.

Come arrivare da Bangkok a Chiang Rai

Chiang Rai ha un areoporto, le compagnie che volano su Chiang Rai sono: Vietjet, Air Asia e Nok Air. E’ possibile arrivare a Chiang Rai anche tramite Bus notturno.

 

 

 

 

Bangkok: 10 luoghi non convenzionali da visitare assolutamente

Bangkok: 10 luoghi non convenzionali da visitare assolutamente

Bangkok è una delle mie città preferite in assoluto, ogni volta che ci vado scopro qualcosa di nuovo. Caotica, mistica, ricca di sorprese. Bangkok ha un fascino che va oltre ogni immaginazione.

Se volete saperne di più sulla città degli Angeli datwe un’ occhiata alla  mia Guida completa su Bangkok !

Chi mi segue su Instagram e Facebook, sa che amo andare alla ricerca di posti poco visitati e non convenzionali, c’ho proprio il pallino è praticamente la mia missione nella vita :).  In quest’ ultima visita a Bangkok  – negli ultimi 6 mesi ci sono stata 4 volte – ho scoperto dei posticini veramente Top da vedere… assolutamente! Si, vi giuro. Caffetterie super cool, street food stellato – nel vero senso della parola – Templi incredibili al di fuori di ogni aspettativa e logica, insomma, delle vere e proprie chicche che vanno oltre le solite tappe.

Prima di illustrarvi questi luoghi particolari ed un po’ pazzerelli, vorrei dirvi una cosa: Buttatevi, uscite dalla zona di comfort, vi divertirete come matti, assaggiate tutto quello che vi capita sotto tiro.

Ma adesso vi porto nei 10 luoghi non convenzionali dove mangiare bere e stare bene! Let’s go.

Quartiere di China Town, la cena in strada

China Town è un posto da vedere a tutti i costi. Colori sgargianti gente ovunque, traffico a go go, casino. Insomma una festa per gli occhi . Perdersi tra le viuzze strette passeggiando tra venditori di robe strane è un must. Se siete pronti a delle esperienze culinari “border line poi,” questo è il posto giusto per voi: nidi di rondine fatte in tutte le maniere, zuppette di pinne di squalo, insetti fritti a tutti gli angoli della strada, ragazzi c’è solo l’ imbarazzo della scelta. Ma a parte strani gusti culinari, nel quartiere di China Town è sorprendente la quantità e la qualità del cibo che si trova nei ristoranti di strada.

Se volete farvi una bella mangiata dovete aspettare le 18,00. ( chiuso il lunedì) Appena il sole tramonta ed i negozi abbassano le saracinesche, i venditori di street food fanno la loro comparsa. Centinaia di carretti di tutti i generi prendono la loro postazione ed iniziano a: friggere, bollire, spezzettare. Spazi enormi, si trasformano in ristoranti incredibili, con un numero incalcolabile di tavolini tutti appiccicati.Gamberoni e pesce alla griglia, granchi al vapore, frutti di mare, il tutto annaffiato da birra Singha. Una meraviglia, da provare! ( è tutto caldo e cucinato al momento). Cenare in uno di questi ristoranti di strada è super veramente! Fatelo, datemi retta.

ristorante per strada China Town

Quartiere Rattanakosin, Un aperitivo con vista Wat Arun

Nel quartiere di Rattanakosin Si respira l’aria tradizionale e semplice della Thailandia old style. Nonostante sia preso d’assalto dai turisti durante il giorno; il Palazzo del Re e Wat Pho si trovano qui, la mattina presto si incontrano solamente gli abitanti del quartiere indaffarati nei loro mestieri. Si incontrano i monaci che girano per ricevere le donazioni, i bambini che entrano a scuola stretti nelle loro divise inamidate, i ristoratori “ on the road” che servono il “ Khao tom kra dook moo”  la zuppa di riso con maiale.

È un quartiere pieno di sorprese e scorci deliziosi. In una delle stradine, dalla parte del fiume Chao praya, proprio di fronte al Wat Pho, c’è “Amorosa Bar” un posticino veramente figo. Questo locale su tre piani, sviluppato in altezza e perlopiù all’esterno, ha la vista sul Wat Arun più bella e suggestiva, tanto che sembra di toccarlo. Il terzo piano ( attenzione alle scalette) quello WOW  ( apre alle ore 17,00, e non un minuto di meno) ed è il posto giusto per ammirare la magia del wat Arun al tramonto. Quindi se siete pazzi dei tramonti, posticini soft e musica chillout, dovete assolutamente fare un salto qui. Lo adorerete!

Wat Arun

Ruesi dat Tong a Wat Pho, yoga Thailandese

Quando vado a Bangkok spesso soggiorno nel quartiere di Ratanakosin, ne sono innamorata, si era capito?Poi lo trovo comodo
per gli spostamenti, (grazie ai traghetti sul Chao Praya.) ci sono b&b graziosi, puliti a dei prezzi interessanti, che non guasta mai!  Grazie ad una ragazza che ho conosciuto tempo fa sono venuta a conoscenza delle lezioni di Ruesi Dat Tong, (se volete saperne di più guardate qui) che si tengono  tutte le mattine dalle ore 8 alle 8,30 all’interno del più suggestivo tempio di Bangkok, Il wat Pho, il tempio del Buddha sdraiato. Il posto senza turisti è una vera meraviglia e praticare questa antica forma di meditazione in questo luogo è veramente fantastico. Gli insegnanti fanno parte della scuola di massaggi wat Pho, la scuola più antica di Bangkok. Per me è diventato una specie di rito ed ogni volta che sono a Bangkok mi fiondo a seguire la lezione. Ps: andateci almeno un quarto d’ora prima altrimenti vi fanno pagare l’entrata. Mi è successo una volta.

 

Pak Khlong Talat, Una tazza di Thè al Floral café

A 5 minuti a piedi dal Wat Pho c’è il famoso Flower Market, il mercato dei fiori più grande e caotico di Bangkok (guardate anche questo itinerario di 3 giorni) . Bellissimo ed unico. Nella strada principale del mercato, c’è un posticino veramente figo. Il Floral Café

In questa meraviglia ci si accede attraversando un negozio di fiori che si chiama napasorn, si salgono poi delle scalette che portano al primo piano dove c’è la caffetteria. Il posto è stupendo fiori secchi e freschi appesi ovunque, con un gusto eccezionale, niente è lasciato al caso tutto è perfettamente curato ed al proprio posto. Guardando la loro pagina Instagram si capisce che il decoro cambia ad ogni cambio di stagione. Anche i dolci non sono niente male, per non parlare del Thè rigorosamente home made. Salendo ancora le scale si arriva in una seconda saletta arredata con oggettistica di grande effetto. In questo piccolo paradiso bohémienne ogni dettaglio è in vendita, quindi se c’e qualcosa che vi piace da matti, la potete acquistare. Mica scemi!

Floral cafe dolci

Quartiere di Silom, Un Margarita allo “Sky Bar”il bar sul grattacielo più spettacolare di Bangkok

Sky Bar, si chiama così il bar sul grattacielo più famoso di Bangkok, quello dove è stato girato il film “una notte da leoni 2 “per intenderci. 64 piani per arrivare in questo delirio di posto. Due bar, uno più tranquillo, piccolino con poca gente e dj con musica soft, molto bello. L’ altro, il più famoso  ha una grande scalinata che porta al bancone bar dalla forma circolare ed il ristorante super gourmet  “ Scirocco”. I drink non sono proprio economici, anzi. Ma bersi un Margarita dinanzi ad uno spettacolo simile, bè, per una volta si può fare!

Sky Bar Bangkok

 Erawan Shrine, Il tempio della musica e delle danze.

Erawan Shrine non è proprio un tempio, ma un altare che si trova incastonato in uno degli incroci piú caotici della città, Ratchaprasong. L’altare consiste in una statua d’oro rappresentante il Dio Hindu Bhrama con 4 facce che rappresentano i punti cardinali. L’altare è stato costruito nel 1956 per eliminare il cattivo Karma causato dalla data errata della costruzione di un edificio. Che cosa ha questo posto di tanto speciale? L’atmosfera surreale e la quantità di persone che vengono qui a chiedere la grazia, attraverso la musica e le danze. Con grande pazienza e dovizia i credenti si mettono in fila, pagano un tot a seconda del numero di danzatrici e di musici che possono permettersi e si inginocchiano dinanzi alla statua, cosí attraverso le arti le loro preghiere saranno più forti ed efficaci. Un posto pazzesco, da vedere.

 

Chao Mae Tuptim Shrine:

Il tempio del Lingam, ovvero il tempio del fallo.

Nel Tempio di Chao Mae, Tuptim si venera il lingam. Il fallo, simbolo di fertilità ma anche di buona sorte e fortuna negli affari – non è difficile trovare un lingam vicino al registratore di cassa di un negozio-  ma non solo, in questo luogo si va per pregare Chao Mae Tubtim, spirito della fertilità femminile, portandole in dono Loto Bianchi e boccioli di gelsomino.

Il Tempio, quello originale è ormai chiuso definitivamente. Adesso ad un centinaio di metri c’è una piccola casa degli spiriti, ben conservata con tante offerte e tanti falli colorati di tutte le taglie il tutto posizionato in un giardino splendido. Avevo letto qualcosa in merito alla chiusura definitiva del Tempio ma volevo vedere con i miei occhi. Il posto c’è, è piccolo ed originale, in tutti i sensi. Certo non vale la pena se siete a Bangkok solo di passaggio.

Questa mia curiosità per il lingam è nata per gioco, quando prima di partire per il mio viaggio, ho contattato Violeta Benini,** un’ostetrica molto interessante, chiedendole se le poteva far piacere riceverne uno in segno di gratitudine per tutte le informazioni che divulga attraverso i social. E così, dopo il suo “wow grazie mille”mi sono messa alla ricerca dei “ Falli” più strani e particolari  “eh ehe eh” è stato divertente. Gli ashtag : #favatour e #lingamtour mi hanno accompagnato per tutto il viaggio.

** Violeta Benini, la Divulvatrice. La paladina delle coppette mestruali e grande appassionata di sex Toys e oggettistica a tema che oltre ad essere una professionista preparata è anche simpatica da matti. Seguitela Instagram ne vale veramente la pena.

Chao Mae Tuptim Shrine: Il tempio del Lingam, ovvero il tempio del fallo.

 

Chao praya pier n2 “Wat Vorachanyawas”

Massaggio sull’ Acqua

Il miglior mezzo da utilizzare per spostarsi da nord a sud di Bangkok sono gli “Express boat,” che vanno avanti ed indietro sul fiume Chao Praya. 15 Thb per le lunghe percorrenze 4,50 Thb per quelle molto brevi. Ogni fermata ha qualcosa di particolare: negozi di souvenir, ristoranti, venditori di cibo, mercati. Ma ce n’è uno, il numero 2 che è decisamente il  più interessante di tutti è un Tempio un pò particolare. Monaci che girellano, baldacchini per le offerte ed un paio di strutture fatiscenti ai lati che ospitano lettini da massaggio.

In queste strutture i soffitti sono pitturati con scene sacre  ed in sottofondo si ripete un mantra rilassante. Qui vengono fatti esclusivamente massaggi tradizionali Thai, niente olii, nessuna nudità. Se vi piace provare un cosa diversa, in un posto semplice dove solo i Thailandesi vanno, questo è il posto per voi. Magari non è super pulito ma i massaggi costano 100/120 Thb e le massaggiatrici sono molto brave. E poi siete sul Chao Praya.

 

Quartiere Maha Nakhon. A cena nella bettola più famosa e costosa di Bangkok

Lo scorso anno A 70 anni suonati Jay Fai è stata insignita della prestigiosa stella Michelin nella categoria street food. Ne esistono solo due al mondo, lei e Chan Hon Meng a Singapore. Jay Fai era già famosa per i suoi piatti ed il modo singolare che ha di prepararli. Cucina in due grandi wok alimentati da brace a fuoco vivo ed indossa  grandi occhiali da saldatore per proteggersi dagli schizzi . Guardarla cucinare è un vero spasso, veloce come una saetta, considerate che è la sola a spadellare tutti i piatti ed il menù non è per niente piccolo! Per mangiare la sua famosa omelette di granchio da 1000 thb abbiamo aspettato 4 ore ! Avete capito bene. Era buona? si da morire, altra storia! È valsa la pena aspettare così tanto tempo? Mi prendete per matta se vi dico di si?:)

Quartiere Maha Nakhon. A cena nella bettola più famosa e costosa di Bangkok

Ban Bat: La comunità degli artigiani che producono le  ciotole dei Monaci

Ogni mattina all’ Alba i Monaci camminano nel loro circondario per ricevere offerte e cibo dalla comunità. Portano delle ciotole di metallo che servono per ricevere le donazioni. Si chiamano “ Bat”. A Bangkok esiste una comunità di artigiani che ancora le produce a mano, dandogli la forma con fuoco e martello, “ La comunità di Ban Bat “ . Se vi capita, andate a fare una visita a questi artigiani delle ciotole, vi porteranno in giro, vi mostreranno il loro lavoro, le loro ciotole e le loro case. É un posto particolare, non adatto a tutti però.

 

10% di sconto con il codice Domani Parto

 

 

Khao Sok: il parco Nazionale, la guida completa

Khao Sok: il parco Nazionale, la guida completa

Khao Sok, il parco nazionale che si trova nella provincia di Surath Thani è un posto che devi visitare se sei un’amante della natura dei trekking e degli animali selvatici. Le maggiori attrazioni del parco sono: il lago Chaow Lan, le case galleggianti, i sentieri, le grotte, le cascate ed ovviamente la fauna selvatica. Il Parco Nazionale di Khao Sok è enorme, copre un’ area di 739 km2 comprendendo i distretti di Amphoe Phanom e Ban Takhun nella provincia di Surat Thani.

Una guida che ti svela tutti i punti più interessanti del parco

Quando visitare Khao Sok

La migliore stagione per visitare il Parco è la stagione secca che va da Novembre ad Aprile. Ma è splendido anche nella stagione delle piogge quando le cascate sono gonfie di acqua.

Flora e Fauna del Parco

All’interno del parco si possono avvistare diverse specie di animali come: Cervi, Tapiri Malesi, macachi, gibboni, rettili, cinghiali, gatti marmorizzati e se si ha un pò di fortuna anche elefanti selvatici. Per non parlare degli uccelli, ne esistono 400 specie. Il parco inoltre è famoso per il gigantesco fiore puzzolente, la Raflesia il fiore rosso e carnoso che può raggiungere un diametro di 80 cm e fiorisce solo intorno al mese di Febbraio.

Khao Sok: il parco Nazionale, la guida completa

Come visitare il parco

Il Parco Nazionale di Khao Sok è diviso in due aree distanti circa 70 km l’una dall’altra: il Khao Sok Village ed il lago Cheaw Lan. Quindi prima di partire studiati bene da dove vuoi partire per visitarlo. Il costo di entrata è di 300 thb per gli adulti e 100 thb per i bambini da 3 a 14 anni, questo è il prezzo per gli stranieri, per i Thai il costo è di 40 thb. Le tariffe del parco sono valide più giorni solo se si campeggia al suo interno o si dorme nelle case galleggianti. Il parco è aperto tutti i giorni dalle 6.00 am alle 6.pm 

 

Khao Sok Village: Cosa fare, come arrivarci e dove alloggiare

Il Khao Sok Village è situato all’entrata principale del Parco. Qui si possono fare escursioni accompagnati da guide professionali, attività sul fiume come rafting e kayak, visitare cascate, fare il bagno nel fiume. Ma puoi anche prendere in affitto un motorino e visitare le zone circostanti perderti tra le stradine di campagna ed entrare a contatto con la popolazione locale.

Che cosa fare: Trekking, cascate e sentieri

Ci sono due sentieri che partono dall’entrata principale del parco, uno porta alla cascata di Sip-et Chan, verso nord ed è circolare, l’altro il sentiero della cascata di Ton Kloi che porta verso ovest .

Il sentiero della cascata di Ton Kloi

E’ lungo 7 km ed i primi 3 km non necessitano di guida. Si percorre una strada di terra battuta  che porta a due cascate più piccole e luoghi dove fare il bagno e molti piccoli sentieri. Gli altri 4 km che portano fino alla cascata Ton Kloi, necessitano di guida perchè il sentiero si fa strada all’interno della jungla e non è possibile avventurarsi in solitaria.

Cosa si può vedere lungo il sentiero che porta alle cascate Ton Kloi

Cascata di Wing Hin

Una cascata di circa 20 mt che si trova a 2,8 km dall’ entrata del parco percorrendo il sentiero per Ton Kloi, Si trova dall’ altra parte del fiume, ci si arriva facimnet camminando sui massi

Piscina di Wang Yao

Si trova sempre sul percorso che porta alla cascata di Ton Kloi, a circa 3 km dall’ entrata, nella piscina naturale di Wang Yao è possibile fare un bel bagno.

La Cascata di Bang Hua Rat

Popolare soprttutto per le attività di rafting, si trova a 3 km dal centro visitatori lungo il sentiero che porta a Ton Kloi.

La Cascata di Bang Liap Nam

Una piccola cascata che si trova a 4.5 km dall’ entrata. Una piacevole passeggiata tra bamboo e alberi secolari.

Cascata di Than Sawan

Si trova a circa 6 km dal centro visitatori. Accessibile da un sentiero laterale scivoloso, unpò pericoloso durante la stagione delle piogge.

Gola di Tang Nam

A 6 km dall’ entrata, questa gola che si trova tra due scogliere è perfetta per una bella nuotata.

Il Sentiero della cascata Sip Et Chan

Una cascata di 11 livelli che può essere raggiunta attraverso il sentiero di 4 km che inizia dalla parte nord del centro visitatori. La prima parte inizia con una passerella di legno che si può fare in autonomia, poi il sentiero si dirama e vi è la necessità di farsi accompagnare da un ranger. In questa zona del parco si possono avvistare molti animali, in quanto è meno battuto dell’altro.

Belvedere di San Yang Roi

Il belvedere che si trova 401 tra Surat Thani e Takuapa al km 113, 5,5 km a ovest dal villaggio di Khao Sok.

La cascata di Mae Yai

Alta 30 metri con un solo livello a poche centinaia di metri dal belvedere. Durante la stagione secca non è il masssimo, raggiunge il suo splendore durante la stagione delle piogge.

Khao Sok: il parco Nazionale, la guida completa

Dove alloggiare al Khao Sok Village

In questa parte del parco sono tantissime soluzioni interessanti, dalle case sugli alberi, Hotel con piscina, a guest house e ostelli per chi ha un budget minore da spendere. Il mio preferito è il “Our jungle house” ha deliziose case sull’ albero e boungalow di legno, offre bellissime escursioni ed il ristorante non è male. I letti sono un pò duri, ma non si può avere tutto dalla vita, no?

Come arrivare al Khao Sok Village

Si può arrivare al Parco attraverso taxi privati, Bus di linea e minivan. I Bus fermano sulla strada principale. Si possono contattare gli Hotel per percorrere la tratta dalla strada all hotel selezonato o altrimenti percorrere la strada a piedi fino a quando qualcuno non si ferma. Personalmente ho sempre fatto cosi!

Da Phuket: Gli autobus da Phuket partono dal Terminal n 2 di Phuket Town, ce n’è 1 all’ ora, l’ultimo parte alle ore 14,00. Il tempo di percorrenza è di circa 4 h con 20 minuti di stop. Il prezzo del biglietto è di circa 160/180 thb

Da Surat thani: Gli autobus partono ad ogni ora dalle 7 del mattino, si fermano alla stazione dei treni. I biglietti si possono acquistare alla stazione centrale degli autobus  situata a Talat Mai 31 o al banco autobus della stazione dei treni. il tempo di percorrenza è di 2 h ed il costo è di 120 thb

Dall’ areoporto di Surat Thani: Il mezzo migliore per arrivare al parco sono i minivan, il biglietto si acquista prima di uscire

Da Koh Samui: Ci sono diversi combinati minivan + traghetti che partono da Koh Samui ed arrivano all’ entrata del parco. Il tempo di percorrenza è un po lungo ma ne vale la pena in termini di budget.

Khao Sok: il parco Nazionale, la guida completa

Cheow Lan, lo splendido lago dI Khao Sok

Qui si trovano le attrazioni più interessanti e la possibilità di avvistare animali selvatici è più alta. Sul lago ci sono le famose case galleggianti, ottimi punti di partenza per visitare la natura circostante. Il lago contiene più di 100 faraglioni ( sporgenze di calcare) ed è alimentato da 6 affluenti che sono: Klong Long, Klong Ka, Klong Pey, Klong Yee, Khlong Saeng e Khlong Mon.

Klong Long

Il più popolare, si trova a 15 km dal molo principale. Le maggiori attrazioni sono una grotta, “Grotta di Coral” le colline di calcare ed un view point raggiungibile con 2,5 di trekking tra la jungla.

Dove dormire al Klong Long, le raft house

Khlong Pey

Si trova a 20 km circa dal molo principale. La raft house Ton Toey è stata la prima stazione ranger, da qui partono dei sentieri a pochi km ad ovest verso la grotta Nam Talu. Un sentiero di 4 km in parte circolare ed uno di 6.5 km che porta verso sud fino alla strada principale 401.

Khlong Yee

Dista circa 30 km dalla diga di Ratchaprapha. Le principali attività da fare in questa arte del lago sono: kayak, avvistamento fauna selvatica, escursioni sia al belvedere che alla cascata di … durante la stagione delle piogge

Dove dormire al Klong Yee, le raft house

Khlong Saeng

Il fiume Khlong Saeng è stato il fiume più grande della Thailandia prima della costruzione della diga di Ratchaprapha. E’ situato a nord est del lago nella Riserva Naturale, per entrare serve un’autorizzazione speciale dalla sede del parco e c’è da pagare un’ entrata aggiuntiva. Questa parte piu remota è perfetta per avvistare gli elefanti, orsi, tapiri e leopardi nuvolosi. C’è solo una casa galleggiante KlongSaeng Raft House di proprietà del parco. La qualità dei boungalows è scarsa.

Khlong Mon

Si trova a circa 20 km dal molo del lago. Valli ripide, colline costituiscono quest’ area. C’è un sentiero  sentiero di 3 km che attraversa la jungla e termina al Khlong Saeng, ma ci sono anche altri sentieri più brevi che portano verso nord. Tam Gia è l’ unica raft house esistente ed è proprietà del parco.

Belvedere di Kri Sorn

Il punto panoramico migliore, situato tra Khlong Yee e Khlong Prey, si raggiunge attraverso una camminata piuttosto impegantiva di 1,5 km. Essendo troppo lontano dal molo, ci si impiega circa 1.15 di navigazione, non viene incluse nelle gite in giornata.

Le Grotte che si trovano nei Khlong

Grotta di Nam Talu

Una grotta lunga 500 mt nel Khlong Pey, dista 4km dal lago. La grotta è molto pericolosa nei periodi di pioggia, infatti è possibile accedervi solamente surante il periodo della stagione secca

Grotta di Coral

Si trova nella riserva naturale di Khlong Saeng. Bisogna pagare un extra sul biglietto della riserva Naturale. Si raggiunge prima con un lungo viaggio in barca fino al Khlong Long poi una camminata di 2km ed una discesa in zattere di bamboo fino all’ entrata della Grotta

Grotta di Diamante

Una delle più spettacolari con impressionanti stallattiti e stallagmiti, si trova nel Khlong Ka

Grotta di Pakarang

La più popolare in assoluto, si trova a nord nel Klong Long

Arrivare al Lago Chew Lan

Il modo migliore per arrivare al molo principale per visitare il lago è attraverso taxi privati.

Hai bisogno di qualche informazione in più? Contattami!

 

Koh yao Noi: l’isola contadina

Koh yao Noi: l’isola contadina

Koh yao Noi e Koh yao Yai vengono chiamate le Isole contadine, perchè, nonostante la presenza di Resort di lusso e strutture di pregio, queste due isole sono riuscite a mantenere intatta la loro cultura. Fortunatamente non sono state ancora rovinate dal turismo di massa.

Dove si trova koh yao noi: la mappa

Dove si trovano Koh Yao Noi e Koh Yao Noi e Koh Yao Yai

Si trovano nella provincia di Phang nga tra Phuket e Krabi, sono due isole splendide che vale la pena visitare. Qui vi parlo della più piccola.

Koh yao Noi tra le due è la più piccola ( Noi in Thailandese vuol dire piccolo) perfetta per coloro che cercano tranquillità. Nota per le sue spiagge incontaminate, paesaggi naturali e colline ricoperte di vegetazione lussureggiante. In questo articolo troverai tutto quello che di bello c’è da fare in questa piccola isola.

Cosa fare a Koh Yao Noi:

La scuola di cucina di Mina

Se hai voglia di dedicarti ad imparare i segreti della cucina Thai allora devi assolutamente fare un corso a casa di Mina, una signora Thailandese molto preparata, che ha deciso di aprire una piccola scuola di cucina direttamente a casa sua. Un esperienza davvero unica.

Koh yao Noi: l'isola contadina

Lezioni di Yoga, meditazione e Thai Chi

A Koh Yao Noi puoi dedicarti allo yoga presso  Island yoga retreat che offre corsi di yoga e meditazione. Nel costo della camera oltre alla colazione sono inclusi: 2 lezioni al giorno, 1 lezione di tai chi ed un massaggio Thai. Hanno diverse tipologie di camere per tutte le tasche, dai boungalw con aria condizionata al dormitorio per sole donne. Una location perfetta per le Donne che viaggiano da sole.

Koh yao Noi: l'isola contadina

 

Visite in long tail boat delle Isole vicine

Si possono fare delle belle gite in giornata nelle isole che si trovano nel Than Bokkoranee National Park, sono splendide e raggiungibili in long tail boat. La più famosa: Ko Hong. Un costo medio per tre isole( che potrebbero essere: Koh Hong, Koh lao Landing, Koh Pakbia) è di 2500 thb escluso l’entrata al parco che ha un costo di 300 thb ( Prezo standard per gli stranieri in tutti i parchi della Thailandia)

Koh yao Noi: l'isola contadina

Mangiare in vero stile Thailandese

The rest calm è un locale creato su una palafitta dove ci si siede per terra per mangiare in vero stile Thai. il posto è molto accogliente, il cibo davvero buono e ben fatto e le persone sono gentili e cortesi. Un bel posto local dove passare un momento di relax.

Koh yao Noi: l'isola contadina

Chill out al Sunset Bar

Per un drink al tramonto, il sunset bar è il posto perfetto. La grande maggioranza della popolazione di Koh Yao è Mussulmana, per questo l’ alcool viene servito solo in determinati posti e questo è il posto migliore per consumarlo. E’ davvero piacevole, gettonatissimo dai turisti. Se vuoi il posto in prima fila per ammirare il tramonto assicurati di arrivare in tempo!

Il Tramonto a koh yao noi

Andare in giro in bici o in motorino

Prendere una bici o un motorino in affitto è la miglior cosa da fare per girare al meglio l’isola. In questo modo potrai scoprire le piccole baie nascoste. Il prezzo al giorno per un motorino è di circa 300 thb. Mi raccomando stai sempre attenta quando affitti un motorino ed indossa sempre il casco ed ovviamente assicurati che la tua assicurazione sanitaria copra gli incidenti su due ruote.

affittare un motorino a koh yao noi

Le spiagge

Le basse maree sull’ isola sono veramente molto importanti, l’ acqua si ritira veramente tanto. Ma non preoccuparti tutto ritorna alla normalità!

  • Laem Had Beach: famosa per la sua sabbia fine e bianca  ideale per fare snorkeling e nuotare.
  • Pa Sai Beach: Una spiaggia tranquilla e poco frequentata con una bellissima vista sulle isole circostanti.
  • Klong Jark Beach: Una spiaggia dall’ atmosfera tranquilla. Relax e panorama.
  • Tha Khao Beach: Una spiaggia poco frequentata. Tha Khao. Offre un ambiente sereno.
  • Loh Paret Beach: Sabbia color oro e acque turchesi. Perfetta per le passeggiate al tramonto
  • Pasai Beach:  lunga distesa di sabbia con acque poco profonde. Perfetta per nuotare e rilassarsi.
  • Manoh Beach: Questa spiaggia è nota per la sual a bellezza naturale.
  • Loh Pung Beach:E’  una spiaggia tranquilla con acque calme e sabbia morbida.
  • Ao Sai Beach: Nota per la sua atmosfera pacifica e il bellissimo paesaggio circostante.
  • Ao Tha Khao Beach: Conosciuta anche come Coconut Beach, questa spiaggia offre un ambiente tranquillo e bellissimi mozzafiato.
  • Ao Hin Kong Beach: spiaggia è famosa per la sua sabbia dorata e le acque cristalline.
  • Ao Loh Pared Beach:. È un luogo tranquillo e poco frequentato dove potrai goderti la bellezza naturale dell’isola.Sabbia fine e acque poco profonde

Dove dormire a Koh Yao Noi

L’ isola offre davvero tante possibilità, dai bungalow low budget agli hotel super fighi. Ti elenco alcuni Hotel che conosco. Ma se vuoi accaparrarti il prezzo migliore prenota con largo anticipo.

Hotel economici:

Hotel medio Budget

  • Tha Khao Bay view: Hotel sulla collina vista mare. I Boungalow palafitta sono fatti di legno, sono basic con bagno.
  • Suntisook Resort: Boungalow di legno, più rifiniti del precedente, puliti. Ottima posizione
  • Rimlay Bay view: Boungalow luminosi, ottima pulizia e posizione.

Hotel & Resort:

Come arrivare a Koh Yao Noi da Phuket:

Le long tail boat e le speed boat partono da vari  pier per vedere i costi, orari e prezzi visita www.bookaway.com. Ci si impiega dai 40 minuti ai 60 minuti dipenda da che mezzo viene utilizzato

Il periodo migliore per visitare Koh Yao Noi:

Il periodo migliore per visitare l’ isola va da Novembre a fine Aprile, durante la stagione secca. Non è adatta nel mese di Agosto 

 

 

 

I migliori mercati galleggianti di Bangkok

I migliori mercati galleggianti di Bangkok

I mercati galleggianti di Bangkok, sono una delle cose più belle che si possano vedere. Una volta nella vita vanno visitati!

Bangkok, per me rappresenta il Paese dei Balocchi, una città incredibile e super emozionante che ha la grande capacità di entusiasmarmi ad ogni passo. Le cose da vedere in questa città sono innumerevoli e tanto diverse tra loro.Templi pazzeschi, quartieri incredibili. Immaginati qualcosa di assurdo ed a Bangkok la trovi! Una valenza molto importante ce l’hanno i mercatI ovunque ne trovi, ognuno con la sua caratteristica e particolarità. Qui ti parlo di alcuni mercati galleggianti quelli che io conosco, dove si trovano e come raggiungerli nel miglior modo possibile.

Il mercato galleggiante di Khlong Lat Mayon: mercato di street Food da urlo 

Il Khlong Lat Mayon è un mercato molto carino e colorato, piccolo ma molto ben organizzato. Oltre alle barche, (non molte) piene zeppe di frutta e cibarie, nella terra ferma c’è un enorme mercato molto frequentato dai locali. Se vi piace il cibo di strada e sei un gran  golosone qui trovi qualsiasi delizia, dal pesce sotto sale alla griglia alle zuppe tipiche, per non parlare dei noodle preparati in ogni modo. Insomma c’è da impazzire. Possibilità di fare giri nei canali.

iL mercato è aperto il Sabato e la Domenica dalle 09.00 alle 16,00

Come arrivare al Khlong Lat Mayon: Il mercato può essere raggiunto dal Bus numero 146 e poi prendere uno dei songthaev ( Taxi collettivi con le sembianze di pick up di colore rosso) e chiedere all’ autista dove scendere. Altro metodo, più semplice è quello di prendere la bts e fermarsi a Bang Wa, dopodiché proseguire con un taxi.

Il mercato Fluttuante di Taliing Chan: adatto per un pranzo a base di pesce 

Il Talin Chan si trova a circa 12 km dalla città. In questo piccolo mercato ci si viene soprattutto per mangiare pesce alla griglia cucinato nelle barche di legno collocate tutt’intorno ad una chiatta fluttuante che fa da sala ristorante. Sulla terra ferma c’è un piccolo mercato con bancarelle di ogni tipo di cibo e tanti banchi che vendono piante, certo non è affascinante come quello di Ampawha, ma vale la pena vederlo e farci un giro. Al molo del mercato c’è la possibilità di fare dei Tour in giro per i canali a dei prezzi veramente molto buoni, come il Tour di 3 ore dei mercati fluttuanti di Wat Saphan Floating Market e Khlong Lat Mayon che parte alle 9.45.

Taling è aperto il Sabato e la Domenica dalle 8 alle 17,00

dettaglio del Talling Chan: Floating Market, mercati galleggianti Bangkok

Come arrivare al Talling Chan:

  • Bus numero 79 che lo potete prendere da: Pratunam, Central Wold, Democracy Monument. Fermata Taling
  • Per il ritorno prendere sempre il 79 ma siccome fa un giro differente la miglior cosa da fare è scendere alla fermata Bus  Ratchathewi

Potrebbe interessarti anche:

Hotel Bangkok: 5 Boutique Hotel da conoscere assolutamente

 

 

Il mercato fluttuante di Damnoen Saduak: perfetto per delle foto super 

Il più famoso di tutti, quello più gettonato e turistico. Il Damnoen Saduak si trova a circa 100 km dalla Città è costituito da diversi canali dove donne in costume vendono ogni tipo di cibo su barchette di legno, uno spaccato di quella che una volta era la vita sull’ acqua dei Thailandesi. Sicuramente un posto bello per fare foto molto instagrammabili.

Aperto tutti i giorni dalle 6,00 alle 11,00

Se hai bisogno di organizzare un viaggio in Thailandia, dai un’occhiata alle mie Consulenze!

Bancarella di cibo, mercati galleggianti Bangkok

Offerte del momento Tour Mercati: Agenzie Partner

 

Come raggiungere il Damnoen Saduak

Bus: Il Bus può essere un modo interessante raggiungere il  mercato ma bisogna prenderlo dalla Southern Bus Terminal, Sai Tai Mai, che si trova fuori città. Il bus numero 78 passa più o meno ogni 40 minuti ed il costo del biglietto è circa 50 thb. Per arrivare alla Southern Bus Terminal, il modo più economico e’ quello di prendere la Bts, fermarsi a Ratchathewi e prendere il bus numero 511 che ci impiega circa 30 minuti ed ha il costo di 70 thb .

Minibus: Se volete invece una soluzione diversa pagando una manciata di Thb in più potete prendere un minibus : Bangkok – Damnoen Saduak Floating Market  La stazione di partenza per il minibus è Mochit, che potete raggiungere in bts.

Taxi: Un altra soluzione per visitare il Damnoen Saduak è il Taxi, magari combinando la visita con il Meklong Raylway station e l’altro mercato Fluttuante di Amphawa, in questo caso se siete interessati potete scrivermi a [email protected]

Vuoi scoprire al meglio la Città degli Angeli? Scarica la mia Guida su Bangkok 

Dettaglio barca al Floating Market, mercati galleggianti Bangkok

Il mercato fluttuante di Amphawa Floating Market: Ritorno al passato 

Anche se negli ultimi anni è diventato più famoso, il mercato fluttuante di Amphawa è l’alternativa meno turistica al Damnoen Saduak , mentre nell’altro l’orario ottimale per visitarlo sono le 8 di mattina tutti i giorni, questo lo si deve visitare dalle14,00 del pomeriggio dal venerdì alla domenica. Anche ad Amphawa troverai barche straboccanti di cibo e verdure, Donne vestite con abiti tradizionale che cucinano e tanti oggetti di artigianato e mercati vari.

Come raggiungere Amphawa:  

Per arrivare ad Amphawa ci sono mini van che partono da Sai Tai Mai ( Sothern bus Terminal) linea 78 e 996.

Maeklong Market ,Il mercato sulla ferrovia:unico al mondo

Non è un mercato fluttuante ma è sicuramente un posto da vedere assolutamente. Il Maeklong Railway Market ha la particolarità di estendersi sopra alla ferrovia e ad ogni passaggio del treno, le tende che coprono i banchi vengono ritirate, le pietanze spostate dai binari o aggiustate in modo che il treno non le travolga. Il treno arriva alla stazione tutti i giorni alle 8,30 , 11.10, 14.30, 17.40 Il miglior momento per vederlo è alla mattina, c’è meno gente e le temperature non sono eccessive.
Come raggiungere il Maeklong Train Market: 
Il mercato è sulla stessa strada dell’ Amphawa Floating Market, ottimo per combinarli tutti e due in una giornata. Il minivan parte da mo chit

Se avete poco tempo ed avete voglia di combinare più mercati possibili in una giornata, scrivetemi a: [email protected]

Importante: Sia al Damnoen Saduak che ad Amphawa cercheranno di venderti dei giri in barca privati a dei costi esorbitanti, dai 2000 thb in su, considerate che il prezzo per un tour condiviso è sui 50/70 thb

 

Pin It on Pinterest