Come muoversi in Thailandia: Bus, Treni e come prenotarli

Come muoversi in Thailandia: Bus, Treni e come prenotarli

Oltre all’aereo ci si può muovere via terra? quali sono i mezzi migliori e più economici? Vedo nelle tue storie ig che ti sposti sempre con dei Bus super ma dove si prendono?

Sono veramente tante le domande che mi vengono poste sui mezzi di trasporto via terra in Thailandia e spiacialmete riguardanti Bus e Treni. Qui cerco di rispondere, inserendo anche le schede aggiornate degli orari per le destinazioni più richieste.

Come muoversi in Thailandia: I Vip bus con partenza da Bangkok

Uno dei mezzi più economici da prendere è decisamente il bus, mezzo numero uno per spostarsi nelle lunghe distanze. La quantità dei bus che viaggiano dal nord al sud della Thailandia è incredibile, ma attenzione non tutti sono uguali. Ci sono alcuni meno costosi di altri ma decisamente più scomodi e meno igienici. Poi ci sono le compagnie private che offrono i Vip Bus con tanto di hostess a bordo. La differenza di comodità oltre che nel prezzo si vede anche dal numero di sedili. Per esempio un Vip Bus come Dio comanda con: un buon servizio a bordo, televisione, spazio per muoversi, Pulizia ed igiene del Bagno, sedili reclinabili dai 160 ai 180 gradi, ha un numero di posti pari a 20/24. La compagnia che io utilizzo per i miei spostamenti notturni con i gruppi di sole Donne è la Sombat Tour, (che sicuramente avrete già visto in una delle storie su Ig) Si prende sia dalla stazione di Mo Chit che dal capolinea della Sombat (a 5 minuti dalla stazione principale)  Viaggiare durante la notte è sicuramente il modo più intelligente per scoprire la Thailandia: risparmiare sul costo della camera, non perdere del tempo prezioso negli spostamenti durante il giorno. Di seguito alcuni orari di partenza della compagnia Sombat. Le compagnie private come la Sombat hanno dei prezzi molto competitivi.

 Orari di partenza da Bangkok a Chiang Mai e Da Chiang Mai a Bangkok 

 

Mo Chit Vibhavadi Arr. Bus Standard Chiang Mai Arr. Bus Standard
07.00 07.20 16.30 Supreme 07.30 17.20 Supreme
08.00 17.30 Star 08.00 17.50 Super
09.00 09.20 18.30 Super 09.00 18.50 Star
09.50 10.15 19.20 Supreme 10.00 19.50 Supreme
13.00 12.00 22.30 Super 13.30 23.20 Super
14.00 13.00 23.30 Star 17.30 03.20 Star
18.00 03.30 Super 18.10 04.00 Super
18.10 03.40 Super 18.30 04.20 Supreme
19.00 04.30 Supreme 19.00 04.50 Supreme
19.25 04.55 Supreme 19.30 05.20 Star
20.10 05.40 Super 19.45 05.35 Supreme
20.25 05.55 Star 20.15 06.05 Super
20.30 06.00 Star 20.30 06.20 Star
21.00 06.30 Supreme 20.30 06.20 Supreme
21.10 06.40 Supreme 21.00 06.50 Supreme
21.19 06.49 Supreme 21.00 06.50 Star
21.30 07.00 Star 21.15 07.05 Super
21.39 07.09 Supreme 21.30 07.20 Supreme
22.00 07.30 Supreme 21.50 07.40 Supreme
22.05 07.35 Star
22.30 08.00 Supreme
  • I due Supreme segnati in rosso sono vip 20 sedili
  • I due star segnati in Rosa sono esclusivamente per le donne, tutti i venerdì e le Domeniche
  • Il prezzo e l’ orario dei bus piuò variare
  • incluso nel prezzo del biglietto che non super ai 900 thb c’è anche la cena buffet.

Come muoversi in Thailandia: La piattaforma di prenotazione on line

La piattaforma on line per la prenotazione di: Bus,Treni, traghetti e aerei più importanti in Thailandia e la 12go. Asia, azienda nata a Singapore nel 2012 che in poco tempo e’ diventata una delle agenzie on line più’ importante in Oriente. Sulla piattaforma sono disponibili migliaia di combinazioni tra i mezzi tutti collegati direttamente con le aziende tramite tecnologia API. Anche se il prezzo del biglietto viene maggiorato e neanche di tanto, la comodità del servizio è da non sottovalutare.

 

Powered by 12Go Asia system

(altro…)

Piatti Tipici Thailandesi: cosa mangiare in Thailandia

Piatti Tipici Thailandesi: cosa mangiare in Thailandia

Piatti Tipici Thailandesi: Gli ingredienti più utilizzati

La cucina Thai è famosa in tutto il mondo per essere unica, ricca di spezie e ingredienti: Aglio, Ginger, Tamarindo, Cocco, lime, lemongrass, coriandolo, salsa di pesce, pasta di gamberi, questi sono solo alcuni degli ingredienti chiave usati nella cucina tradizionale.

Quali sono i piatti tipici Thailandesi? A parte il Pad Thai non se ne conoscono molti altri, giusto? Forse il Tom Yam goong, ma non ne sono poi tanto sicura. Come all’estero la cucina Italiana è conosciuta per gli spaghetti e la pizza, quella Thailandese lo è per Pad Thai. Le motivazioni potrebbero essere varie tra cui: non è piccante è gustoso senza essere troppo speziato, ergo ha gli ingredienti giusti per diventare popolare.

Pomelo Salad

Cosa mangiare a Phuket: 

Di piatti buoni e sostanziosi ce ne sono molti altri, più o meno piccanti, più o meno tradizionali. Nell’isola di Phuket poi ce ne sono di vari e gustosi, basta solo cercarli.Se siete dei veri gourmand, questo è il posto ideale per voi! Grazie alle contaminazioni musulmane, cinesi e Malesi potete gustare particolarità che vanno ben oltre le classiche proposte dei ristoranti super turistici.

Ma scopriamo quali sono quei piatti che potrebbero fare al caso vostro e soprattutto quali potete mangiare senza incappare in spiacevoli sorprese.

Tom Yam Goong

É una zuppa piuttosto conosciuta, è molto piccante profumata e aromatica a base di: gamberi, lemongrass, funghi, scalogno e galanga, ginger, gusto agro piccante. Si mangia accompagnata da riso bianco, è una bomba, una volta assaggiata se ne vuole sempre di piu! Hai voglia di cimentarti nella preparazione di questa zuppa squisita? Allora dai un’ occhiata alla ricetta

Piatto di zuppa tipica Thai

Roti Nam Geang:

Questo piatto ha delle influenze indiane/ musulmane, è un piatto Hallal ovvero segue i dettami della religione islamica. Il roti è un particolare pane a base di varie farine, l’impasto è a base di acqua calda olio -senza lievito -ed è cotta in una particolare piastra. Viene servita con un curry molto piccante di pollo o di manzo ed alcuni tipi di pesce.

Kuay Tiew:

Ovvero ” zuppa di noodle ” di variazioni per questo piatto ce ne sono un’infinitá per non parlare poi degli ingredienti che vengono usati. Ovunque si trovano banchetti e carretti che la preparano in un battibaleno. È un piatto estremamente famoso tra i Thai. Non è piccante di base, ma viene accompagnata da peperoncino, zucchero e germogli.

Gai Med Ma Moung:

Pollo con anacardi preparato con: anacardi arrostiti , salsa di soya, aglio, miele e peperoncino. Una vera delizia. Tra le altre cose gli anacardi vengono coltivati localmente, e sono ritenuti i migliori a livello mondiale.

Massaman Curry:

Da come si può intuire dal nome, il Massaman Curry proviene dalla cucina mussulmana. Questo piatto tipico a base di manzo, patate, latte di cocco e noccioline arrostite è una vera delizia. Gli amanti del curry ne andranno pazzi, ma attenzione è super piccante!

Oh Eaw:

Un dolce popolare soprattutto in estate, fresco, anzi Freddo! Infatti è a base di ghiaccio tritato, sciroppo, fagioli rossi, gelatine di cocco e banana.Un gusto particolare, che va provato sicuramente.

cibo tradizionale thailandese

Homok Tala:

Cosa c’è di più esotico e caratteristico di una pietanza servita su una foglia di banano? L’Homok è proprio questo. Anche se non molto famoso visto il gusto particolare, ha comunque i suoi estimatori. Composto da un mix di pesce vario, spezie, verdure, il tutto è pressato per formare delle piccole tortine che poi vengono cotte a vapore.

 Green Curry:

Questo curry dal colore verde è molto comune nella Thailandia del centro e del sud. Il suo colore lo deve a peperoncini verdi, al basilico Thai, ed alle melanzane piccole e verdi. La base è il cocco. Viene accompagnato da riso bianco.


Dim Sum:

Andate pazzi per i ravioli cinesi e altri bocconcini orientali? Allora i Dim Sum, fanno proprio per voi! Visto la forte presenza della cultura cinese nell’isola non farete fatica a trovare Ristoranti in giro che li servono. Ravioli con ogni tipo di condimento, piccoli bocconcini di pesce o maiale o pollo. ce n’è per tutti i gusti. Non dovete far altro che sceglierli e farveli cuocere al vapore. I Dim sum li trovate solamente la mattina, di solito dalle 7 alle 13,00.

Roti Banana Pancake

Questo dolce delizioso lo trovate quasi esclusivamente per strada. Su una piastra di alluminio viene lavorata con le mani la pasta del roti che viene poi riempita, piegata a portafoglio e poi cotta sulla piastra calda con abbondante burro. La classica è con le banane e latte condensato. Da provare almeno una volta.

Mango e sticky Rice

Il dolce Thailandese più famoso di tutti, una delizia a base di cocco e riso glutinoso. Quando è la stagione dei manghi i mercati sono stracolmi si banchetti che vendono questo dolce super strepitoso. Vuoi imparare a cucinare questo dolce super? Allora cimentati seguendo passo passo la ricetta tradizionale 

 

Mango e sticky Rice

 

 

 

Viaggi per sole Donne: perchè li organizzo ed a chi sono rivolti

Viaggi per sole Donne: perchè li organizzo ed a chi sono rivolti

A 24 anni ho deciso di partire da sola per l’India, ero spaventatissima ma non ce la facevo più, mi ero stufata di aspettare qualcuno che venisse con me e così l’ho fatto, sono partita. Non vi dico che sia stato facile, anzi, dopo aver fatto il biglietto mi è salita un ansia pazzesca. “Oddio ma ho fatto bene? “ Cosa penserà la gente di me?” ( sì, a 24 anni avevo queste paranoie) Madonna e se mi succede qualcosa? E se prendo qualche malattia strana? Queste e molte atre erano le domande che mi facevo. Ma quanto mi sottovalutavo, ahimè! Ma la voglia di partire era più forte. Pensate che una volta arrivata a Delhi mi sono chiusa 3 giorni in Ostello, senza uscire. Mamma mia che paura!

Viaggi per sole Donne: i viaggi di Gruppo

Ho iniziato a organizzare viaggi di gruppo per Donne perchè di Donne che desiderano viaggiare ma non hanno nessuno/a con cui farlo ce ne sono tantissime. le cause sono diverse: c’è chi ha voglia di avventura, trekking, mangiare cibo piccantissimo in un villaggio disperso nella giungla, C’è anche chi vuole sbruciacchiarsi al sole senza far niente, c’è chi ama la vita da Vilaggio all inclusive. De gustibus! In ogni caso qualsiasi sia la causa, resta il fatto che la maggior parte delle Donne non viaggiano perchè viaggiare da sole, No Grazie! Quindi che fare? Partire con altre donzelle che hanno la stessa necessità e la stessa voglia di fare, That’s it. Questa è la motivazione per cui ho creato questo format solo Donne.

foto vacanza sole donne Thailandia novembre 2019 Marta Domani Parto

Ho iniziato a organizzare Viaggi di Gruppo per sole Donne in Thailandia circa un anno e mezzo fa. (Ho organizzato molti altri viaggi, pacchetti ecc ecc in Italia ovviamente, non è che lo faccio da due giorni, questo sia chiaro) e quello che è venuto fuori fin da subito, che non avevo preso in considerazione è il senso di sorellanza che si scaturisce Una cosa pazzesca! Certo il rischio di partire e di trovare persone che non ci stanno a genio, c’è per l’ amor di Dio, ma c’è anche la grande la possibilità di trovare persone super fighe che hanno un sacco di cose in comune con te. Puoi correre il rischio di trovare le tue compagne di viaggio per la vita! pensa alle Pine, le ragazze del gruppo di Novembre, stanno mettendo su un nuovo Viaggio in Marocco! Cioè capito…

Viaggi per sole Donne: perchè li organizzo ed a chi sono rivoltiViaggiare da sole: come sono nate le consulenze on line, l’importanza di una persona di riferimento in loco

In India avevo un punto di riferimento, un’ amica che ringrazierò per tutta la vita, una signora che mi ha insegnato molto di più di quello che lei pensa. Mi ha insegnato che viaggiare ti allarga la mente, ti toglie tante paure, ti rende migliore. La storia del mio primo viaggio in India e di Annabella, la mia musa, l’ ho scritta qui, se volete potete dare un’ occhiata. Perchè è stato così importante avere lei come punto di riferimento? Perchè ero lontana da casa e mi sentivo persa, sapere che c’era una persona nelle vicinanze mi faceva sentire protetta, potevo andare in qualsiasi cabina telefonica ( non avevo il cellulare) e chiamarla, solo questo mi rassicurava. Lei è stata preziosissima. Dai ricordi di quel viaggio sono nate le consulenze on line, quasi 20 anni dopo (oddio!) Ad Agosto del 2019 il mio progetto ha preso forma ed ho dato vita ad una cosa che adoro fare, aiutare le persone in viaggio, nella Terra che mi sono scelta. La Thailandia. La maggior parte delle donne che mi contattano e comprano una consulenza sono ragazze che vogliono buttarsi e viaggiare da sole e come la prima volta e scelgono la Thailandia per farlo, poi pensare che hanno un’ altra Donna che può viaggiare virtualmente al loro fianco le aiuta psicologicamente.

A chi sono rivolti i miei viaggi per sole Donne

I miei viaggi di gruppo per sole Donne sono rivolte a tutte le fasce di età, dai 18 agli 80 anni di, ovviamente avvezze a questo genere di esperienza, in forma smagliante e con tanta voglia di mettersi in gioco. Sono viaggi dedicati a quelle Donne che hanno bisogno di un momento di staccare dalla vita quotidiana, per coloro che vogliono Una sorta di “fermate il mondo voglio scendere”. Perchè non faccio distinzioni di età? perchè non mi piace e perchè credo che una Donna di 50 anni possa apprendere molto da una ragazza di 20 e di conseguenza una donna di 50 possa insegnare tanto ad una ragazza giovane. C’è un scambio umano emozionante.

I miei viaggi vengono organizzati in Thailandia, ma tra poco potrò organizzati anche nel resto dell’Asia, stay tuned!

 

Viaggi per sole Donne: perchè li organizzo ed a chi sono rivolti

Viaggiare in Thailandia da sole: Come liberarsi dalla Paura della prima volta

Viaggiare in Thailandia da sole: Come liberarsi dalla Paura della prima volta

Marta come si fa a viaggiare in Thailandia da sole? Ma è pericoloso? Queste sono solo due delle domande che ogni giorno ricevo nei miei social e nella mia casella di posta. Sono tante le giovani ragazze che vorrebbero partire, che hanno voglia di dare una scossa alla loro vita, che vogliono cimentarsi in un’ avventura e che vedono nel viaggiare da sole una sorta di riscatto, ma il più delle volte si bloccano soprattutto a causa delle ansie degli altri.

Parto dal presupposto che la cosa super importante è avere sempre la testa sulle spalle, che i malintenzionati sono ovunque, anche sotto casa nostra. Dobbiamo sempre essere vigili e attente ma senza cadere nella paranoia.

Viaggiare in Thailandia da sole: Il Passaporto

Durante il viaggio la cosa più importante, oltre alla vostra sicurezza è il passaporto.

Alcune informazioni importanti da non dimenticare:

  • NON consegnate  mai il passaporto  a nessuno, tenetelo sempre con voi. Se affittate un motorino, una macchina o qualsiasi cosa NON lasciatelo a garanzia, lasciate la caparra.
  •  Fatevi sempre una copia per mostrarlo negli Hotel per prenotare Autobus, questo per non tirarlo fuori tutte le volte
  • Non utilizzate un porta passaporto ma piuttosto un porta documenti con cerniera che si toglie dall’ alto, questo per evitare che si rovini
  • NB: all’ Areoporto gli addetti al controllo passaporti prenderanno il vostro documento e lo toglieranno da ogni tipo di involucro il più delle volte in un modo rozzo e non curante. Per evitare che venga rovinato da parte loro consegnatelo nudo. Ogni danno causato al documento nel momento del controllo viene imputato a voi negandovi il diritto di volare.

Le piccole truffe sono all’ordine del giorno, quando vi rendete conto che ci stanno provando, non arrabbiatevi, andate via sorridendo, magari mandandoli a quel paese, ma sempre sorridendo. qui quelle più comuni: Truffe in Thailandia 

 

Viaggiare In Thailandia da sole: Regole base di comportamento

La Thailandia è di per se una terra ospitale, dove ancora la gentilezza è all’ ordine del giorno. Se sei una persona gentile ed educata, se la tua voce è pacata quando parli se sei rispettosa nei confronti della loro cultura tutto andrà liscio come l’ olio. I Thai amano profondamente il loro Paese e tendono a difenderlo con le unghie e con i denti.

  • Non arrabbiatevi e non discutete. I Thai non si confrontano. Far vedere che si è arrabbiati non porta da nessuna parte. Fate un respiro profondo prima di arrabbiarvi.
  • Imparare a salutare. I Thai ci tengono molto al saluto, quindi imparatelo bene perchè ci sono delle differenze: Le mani, in posizione di preghiera con le dita verso il vostro mento, piegare la testa leggermente verso di esse. Se salutate un monaco, una persona anziana,  o qualcuno di particolarmente importante dovete portare le vostre mani sopra il vostro naso, invece verso il petto per tutti gli altri.
  • Quando mangiate qualcosa con le mani, fatelo sempre con la mano destra e mi raccomando non leccatevi le dita.
  • Toccare, anche in segno di saluto o gentilezza, non è apprezzato, anzi viene presa come invasione personale.
  • Puntare i piedi verso qualcuno, o addirittura toccarlo è considerato un insulto.
  • La Testa è considerata la parte più illustre, non toccate mai la testa di qualcuno, se succede accidentalmente, chiedete scusa immediatamente.
  • Togliere le scarpe ogni volta che entrate in una casa Thailandese
  • Vestitevi sempre appropriatamente ogni volta che entrate in un Tempio.
  • Le Donne non possono toccare in nessun modo i Monaci e viceversa.

Viaggiare in Thailandia da sole: La mia prima volta

La prima volta non si scorda mai, il primo viaggio poi rimane nelle vene, nel sangue nei polmoni. Io sono partita la prima volta nel 2001, avevo un grande desiderio. Viaggiare da sola in India. Vi potete immaginare la reazione dei miei genitori quando gli ho sventolato il biglietto davanti agli occhi, cosa mi possono aver detto? Ci mancava solo che mi tirassero dietro qualcosa. Ma non mi interessava niente, avevo deciso. Volevo partire da sola, volevo andare in India.

Cosa mi ha spinto a partire da sola 

Perchè ero in un punto morto, non riuscivo a prendere una decisione, non sapevo cosa fare nella mia vita, non decidevo niente, avevo bisogno di un break, della serie “ fermate il mondo voglio scendere”. Così l’ ho fatto. Sono partita in solitaria per 3 mesi.

La Paura della prima volta

Si una paura fottuta, ma il desiderio di partire, di conoscere e conoscermi era più grande, più forte!  Avevo così tanta paura che una volta arrivata all’ aeroporto di Delhi non riuscivo a muovermi, avevo così tanta paura che mi sono chiusa in un Hotel e non sono uscita per tre gg, avevo così tanta paura che con il sudore delle mani ho rovinato la ricevuta di pagamento del taxi che ho dovuto ripagare. Insomma me la facevo letteralmente sotto.

Allora come ho fatto a stare lì tre mesi, a viaggiare in lungo e in largo? C’ho provato, mi sono buttata, un pochino alla volta e alla fine è andata ed è stato bellissimo.

Ho capito che al di la della paura, c’era la bellezza, c’era il godimento c’ero io!

Da quel giorno ci sono stati tanti altri viaggi, soprattutto in India, ma quello è stata il più bello, il piu figo di tutti. . Quel viaggio mi ha dato una carica pazzesca, mi ha aiutata a sbloccarmi.

La Thailandia poi è venuta dopo, nel 2006 e che dire, me ne sono innamorata all’Istante, un pugno in faccia all’improvviso che mi ha messo ko. Mi è rimasta nel cuore fino a quando ho deciso di tornare per rimanere

Viaggiare in Thailandia da sole: Interno di un tempio

Viaggiare in Thailandia da sole: Intervista a Federica Patorelli e la sua prima esperienza di viaggio in solitaria

Un’ esperienza molto simile alla mia è capitata alla bellissima Federica Patorelli che su instagram la trovate come @ciompif Lei mi ha contattata per una consulenza, voleva fare un viaggio in Thailandia da sola, ma aveva dei dubbi, così ci siamo confrontate, abbiamo parlato, ci siamo sentite per tutto il viaggio. Secondo me lei nelle risposte alle domande che le ho fatto spesa perfettamente il senso del viaggio in solitaria.

Perchè hai scelto la Thailandia come primo viaggio? 
Desideravo qualcosa di scombinato, disordinato, che rompesse le regole, diverso dall’Occidente: tutto questo è stato Bangkok. E volevo il mare, quello da film. Calma e adrenalina insieme. La Thailandia sembrava abbracciare ogni cosa.
Avere una persona sul posto poi è stata una sicurezza anche per i miei genitori super preoccupati. Se mi fosse successo qualcosa, avrei avuto vicino una persona che sapeva consigliarmi o assistermi.

Cosa ti è piaciuto di più del viaggiare da sola?
La flessibilità del viaggio, il poter decidere se restare o se andare via senza consultarmi con altri, ma ascoltando le mie esigenze e accontentando i miei desideri. Ho costruito il viaggio strada facendo.

Hai conosciuto molte persone?
Tantissima. Ho incontrato molte persone in viaggio come me anche per le strutture (ostelli principalmente) e le escursioni che ho fatto.
Mi capitava di conoscere una persona a colazione e di salutarla a cena dopo aver passato tutto il giorno insieme!!!

Hai avuto difficolta con la popolazione locale?
No, sono dolcissimi e non invadenti come piace a me! Non parlano bene l’inglese é vero, ma sono sorridenti e cercano di aiutarti sempre: Google traduttore, indicazioni, linguaggio dei segni. Una volta lì sembra tutto più facile! Le dritte che ho avuto da Marta poi sono state utilissime per non invadere o essere inappropriata per la loro cultura.

Ti sei mai sentita in pericolo?
Mai. Davvero mai in 30 giorni. Prima di partire tutti dicevano di stare attenta e di non uscire la sera. L’ultima notte mi sono trovata nel centro di Bangkok alle 2 di notte a mangiare zuppa piccantissima, farmi fare un massaggio ai piedi e a tornare a casa a piedi da sola con tutte le cianfrusaglie possibili da mettere nel mio zaino 😜

Ti sei mai sentita da sola?
No. Io sono partita con la mente aperta e fluida e l’universo mi ha risposto: ho trovato sempre persone con cui stare e condividere. Le persone in viaggio si aiutano a vicenda e dividono i problemi.
In più, la popolazione thai è amichevole e ospitale. Una mattina su una isola non trovavo un tuk tuk che mi portasse al porto. Un signore è andato a chiamare un suo amico e una vecchietta mi ha fatto accomodare nel suo ristorante e mi ha offerto la colazione!!!

Cosa ti ha regalato questo viaggio in solitaria in Thailandia?
Potrei scrivere un libro per tutti gli insegnamenti che la terra dei sorrisi mi ha regalato. Quelli più importanti però sono il coraggio e la fiducia negli altri. Non ho più paura di stare da sola e sono consapevole di quello che mi piace e quello che proprio non mi va di fare. Ho imparato a fidarmi di più del mondo e degli altri.
E poi mi ha regalato la resilienza: se qualcosa va male ci sono molte soluzioni prima di arrendersi!!!

L’ assistenza che hai acquistato ti è stata utile?
Moltissimo. Sia prima sia durante. Un mese prima io e Marta abbiamo abbozzato l’itinerario inserendo escursioni e spunti interessanti (sono io che non volevo avere nulla di sicuro, ma lei può prenotare ogni cosa). Mi ha consigliato cosa mangiare, dove andare e cosa fare. Abbiamo parlato di vaccini, della cultura del popolo thai e di come sfruttare il mio budget al meglio.
Durante il viaggio però è stato davvero un punto di riferimento fondamentale. Le mandavo un messaggio e in poco tempo avevo la risposta: “dove posso prendere questo bus? Mi consigli un posticino dove mangiare? È caro questo prezzo? Come mai i Thai fanno così?”.
A volte il viaggio andava così liscio che invece di consigli le raccontavo cosa avevo fatto e lei rideva e mi raccontava altre sue avventure!
Avere una persona sul posto e con la mia stessa cultura è stata la soluzione migliore per me. Marta conosce delle cose assurde e meravigliose!!!! Mi sono ritrovata a dormire nel mercato dei fiori vicino ad un negozio di cipolle, a lavare un elefante e a mangiare un risotto di colore azzurro!!!

Consigli alle Donne della comunity di “ Marta Domani Parto” di viaggiare da sole? 

Non farsi abbattere dagli altri. Avevo più paura in Italia perché ero bombardata dalle insicurezze di tutti. Una volta li è stato semplice, elementare, divertente!
Un altro consiglio è: lasciarsi andare e accogliere quello che viene!
Non sapere cosa si farà il giorno dopo, dividere un pad thai con uno sconosciuto, dormire su un’isola deserta e decidere dove andare a seconda di cosa ti dice il cuore è una esperienza da fare!
Io nel frattempo non vedo l’ora di ripartire da sola!!! 😜

Ho voluto creare il format delle consulenze/assistenze in viaggio perchè sapere che c’è una persona che parla la tua lingua che ti può aiutare in qualsiasi momento e che nei momenti di sconforto c’è, bè io credo che faccia la differenza.

Come comportarsi in Thailandia: Usi e costumi della Terra dei sorrisi

Come comportarsi in Thailandia: Usi e costumi della Terra dei sorrisi

Voglio scrivere questo post sul “ come comportarsi in Thailandia” da un po’ di tempo perché sono stufa di sentire tante baggianate sul popolo Thailandese. Non ne posso più di ascoltare turisti che insultano, che non portano rispetto, che urlano. Gente che viene in vacanza per una manciata di giorni e che crede già di sapere tutto su un popolo. Vivendo in questo Paese ho capito che ci sono delle regole non scritte che vanno rispettate, comportamenti che vanno evitati ed altri che devono entrare a far parte del nostro quotidiano.

una classe di monaci

Anche se il popolo Thailandese è incredibilmente sorridente ed ospitale ciò non significa che sia stupido, anzi. E’ un popolo orgoglioso, geloso della propria storia e delle proprie tradizioni e nonostante il turismo abbia cambiato certi luoghi i Thailandesi portano ancora molto rispetto alle proprie tradizioni: ai gesti, alle parole ai movimenti ed è per questo che bisogna essere rispettosi ed imparare a comportarsi.

Se avete voglia di conoscere almeno un pochino il loro modo di vivere qui trovate degli spunti sul cosa fare e cosa non fare all’interno della società’ Thailandese.

Voglio iniziare da quello che proprio NON si dovrebbe fare, perché se già si impara questo si è già ad un ottimo punto.

Persone in preghiera

Come comportarsi in Thailandia: 6 cose da non fare assolutamente

  • Se sei una Donna non puoi toccare o sederti vicino ad un monaco
  • Non toccate in nessun modo la testa dei bambini, anche se per noi è un gesto di affetto per loro è una sorta di insulto
  • Non varcate la soglia dei Templi senza esservi tolti le scarpe
  • Non parlate mai male della famiglia reale.
  • Puntare i piedi verso qualcuno, o addirittura toccarlo è considerato un insulto.
  • Non arrabbiatevi e non discutete. I Thai non si confrontano, troverete solamente un muro di gomma di fronte a voi.

Queste 6 regole ( anche se ce ne sono molte altre) vi aiuteranno ad avere un approccio diverso ed essere presi in considerazione dalla popolazione Thai.

Ma ci sono invece delle buone abitudini da imparare e far diventare parte del proprio quotidiano nella Terra dei sorrisi.

Donna in un Templio Come comportarsi in Thailandia: 4 cose da sapere

#1) Imparare a salutare. Il Wai è il saluto con inchino a mani giunte che i Thai fanno continuamente ed è estremamente importante da utilizzare, è buona abitudine farlo

#2) mettere sempre Khun davanti  al nome di una persona che si è appena conosciuta.

#3) Ringraziare sempre per qualsiasi cosa.

#4) Quando passate davanti ad una persona più anziana o a delle persone che stanno parlando, abbassatevi, non è educato rimanere allo stesso livello.

#5) Non baciatevi pubblicamente: Ai Thai ( in tutta l’ Asia per la verità) non piace questo genere di effusioni in pubblico

#6) Non andate in giro con il solo costume. È vero, il senso di libertà che si respira al sud del Paese è incredibile, ma bisogna fare i conti con una una popolazione perlopiù musulmana, che non ha piacere nel vedere corpi semi nudi  entrare in negozi e ristoranti

#7)togliete sempre le scarpe quando entrate in un luogo sacro o in una casa.

 I Thai tengono molto alla forma per loro è importantissima. Seguire queste piccole regole significa farsi rispettare ed essere presi in considerazione.

Se volete entrare ancora di più nel vivo della cultura Thailandese la cosa migliore da fare è quella di imparare alcune  parole che vi possono essere molto utili, loro saranno felicissimi di questo e voi avrete imparato qualcosa di nuovo.

 

Come comportarsi in Thailandia: parole utili da imparare 

  • Sawa dee ka : questo è il saluto per eccellenza. Si utilizza praticamente sempre. Se siete uomini dovete dire  Sa wa dee Kap
  • Si: chai
  • No : Mai
  • Grazie : koop kung ka – gli uomini dovranno dire: Koop kung Kap-
  • Scusa:  koo thood
  • Come stai: Sa bai dii mai
  • Non piccante: Mai Pet- questo è super importante da sapere!

Se voi siete gentili, rispettosi della loro cultura, loro lo saranno con voi. Se invece siete persone arroganti, insensibili e poco flessibili,  poi non lamentatevi se non sono disponibili e maleducati. Tutto dipende da voi, da come è il vostro approccio con questo popolo.

 

\\

Escursioni Phuket: Quali scegliere per una vacanza al Top!

Escursioni Phuket: Quali scegliere per una vacanza al Top!

Phuket ha tante meraviglie basta scoprirle nel modo giusto

Marta, come faccio a prenotare delle escursioni? Ma i Tour sono veramente affidabili? Quali scegliere per non rimanere fregata o delusa? Queste sono alcune delle tante domande che ogni giorno mi vengono poste, sia con Dm su Instagram che via mail,  ed è per questo motivo che ho deciso di scrivervi questo post.

Phuket è stracolma di gente più o meno seria che vende escursioni, li trovate per strada, negli Hotel, nei ristoranti, dappertutto. Appena vi fermate davanti ai loro banchi vi iniziano ad ammaliare dicendovi che per voi, solo per voi il prezzo è super iper scontato rispetto a quello scritto sulla brochure patinata che vi sventolano davanti. Con 1000 thb, poco più di 20 Euro acquistate un Tour che prevede 4 isole, snokeling, pranzo super -anche per vegetariani- spiagge bellissime e deserte ed oltretutto con partenza alle 8,30! Cioè figata, avete il tempo di dormire anche un pochino. Insomma tutto ciò sembrerebbe un super affare, infatti sembrerebbe, perchè di affare non c’è proprio niente!

Vista della spiaggia di Ya nui: Escursioni Phuket

Escurioni a Phuket: cosa non scegliere

Al momento del vostro arrivo al porticciolo vi accorgete subito che non è un affare e da cosa? Dalla quantità di gente che si imbarca nello stesso momento in cui vi imbarcate voi. Che nella vostra speed Boat invece di entrare 15 persone ce ne entrano 30, che la maggior parte dei vostri compagni di viaggio sono cinesi. (Questo non lo dico perché mi hanno fatto qualcosa in particolare, sia chiaro, ma perché sono tanti ed hanno un modo di comportarsi estremamente diverso dal nostro, già i rumori che emettono quando mangiano la dicono tutta.) che le le condizioni della barca non sono proprio il massimo, che l’ attrezzatura per lo snorkeling non è completamente gratuita. Ma la cosa peggiore succede al vostro arrivo nelle isole che dire che sono affollate è un eufemismo. Per non parlare poi del pranzo che il più delle volte viene servito in capannoni dove all’entrata c’è l’ addetto che vi lava i piedi con la canna dell’acqua talmente è spropositato il numero di gente che entra nello stesso momento. Insomma no, non ci siamo proprio! Quindi se non volete questo tipo di situazioni, non compratele.

Escursioni a Phuket: fai da te o agenzia?

Le escursioni più famose, quelle che trovate ovunque sono: Phi island, James Bond, Coral Island e le Similan, che per carità sono super belle, ma considerate la quantità di gente che arriva in Thailandia ogni stagione secca, solo lo scorso anno sono state registrate più 9 milioni di persone solamente a Phuket e tutte concentrate in quel periodo. Quindi fate voi! Adesso mettiamo che a tutti i costi volete vedere una di queste isole e vi capisco molto bene, sappiatelo! ma pensate di non trovare nessuno? Pensate veramente che in canoa nella baia di Phang – nega ci siate solo voi? Bè non è cosi! Sappiatelo molto bene.

Quindi chi scegliere per una bella escursione fatta bene? 

Se cercate: Assistenza nella vostra lingua, Tour non affollati, speed boat sicure e nuove, Assicurazione incidenti, equipaggiamento snokeling nuovo ed incluso nel prezzo la Siam Adventure world fa al caso vostro. Questa compagnia costa di più rispetto alle altre ma ha anche un tipo di assistenza diversa. Ottima per coloro che visitano le isole per la prima volta ed hanno bisogno di sentirsi in mani buone ed affidabili e preferiscono accompagnatori Italiani.

Per visitare al meglio le gettonatissime Phi Phi e James Bond la miglior cosa è partire all’alba così da anticipare tutte le altre compagnie che partono con calma durante la mattinata. Non vi dico che non troverete nessuno, ma vi assicuro che la prima parte della vostra mattina è decisamente salva. La Siam lo fa

Baya di Phan Nga: Escursioni Phuket

Se invece siete più avventurosi e preferite una cosa molto local con barche tipiche di legno ed un personaggio come guida, allora Anan, detto “Antonio” fa per voi. Questo super soggetto vestito da sandokan con tanto di kajal agli occhi, è un Thai che parla italiano molto bene ed organizza poche escursioni ma buone. Il prezzo è  veramente ottimo per quello che offre.
  • Non è adatto a chi è poco agile o ha problemi motori o chi è alla ricerca di qualcosa di comodo.

Come organizzare un Tour fai da te? 

Per chi non ama costrizione di orari guide ecc ecc ci sono un paio di soluzioni interessanti. La prima è quella di prendere una Long Tale boat, la barca tipica Thailandese a Rawai beach e concordare con il  barcaiolo la cifra. Con 2500 Thb  a barca ( max 8 persone) ovviamente se contrattate bene, potete chiedere di farvi portare in giro in 2 o tre isolette. Le isolette in questione potrebbero essere: Koh bon, Buddha Island e Potato island dove, in quest’ultima non ci sono spiagge ma è splendida per lo snorkeling. Un altro punto strategico per partire con le motolancia è Chalanog Bay, sempre al sud di  Phuket ( qui ci sono più isolette carine da visitare) e da qui potete sempre con la stessa cifra farvi portare all’isola di Koh Lon, e Coral, anche se quest’ ultima è super gettonata soprattutto dal turismo cinese, le spiagge sono splendide.

Se invece volete andare nelle isole maggiori tipo: Pi phi, Ko Lanta, Koh Kradan, Koh Mook, potete prendere uno dei tanti traghetti o speed boat che che partono da Rassada Pier, in alta stagione ce ne sono veramente tanti e potete passare da isola in isola. Con Phuket Ferry avete la possibilità di prenotare on line le vostre corse ed utilizzare come metodo di pagamento oltre alle carte Visa e Mastercard anche Pay Pal. Ma se tante volte i prezzi vi sembrano alti soprattutto in alta stagione ci sono delle compagnie private che hanno dei prezzi molto competitivi, che includono anche il transfer. Per esempio ce n’è una che con 600 thb incluso il trasferimento dall’hotel vi porta a Phi Phi island ed anche se ci impiega un pò più di tempo del previsto è comunque sempre un affare.

Escursioni Phuket: Quali Tour organizzo e cosa posso fare per voi

Ho aperto la mia agenzia di viaggi e assistenza viaggiatori in Thailandia, più o meno 3 mesi fai da allora ho portato in giro un bel pò di persone. Ogni volta cerco di migliorare, aggiungere, togliere il superfluo questo per cercare un prodotto sempre migliore che possa regalare emozioni ed esperienze. La mia mission è quella di far vivere delle esperienze attraverso i viaggi ed i Tour che organizzo.

Al momento ho creato:

Inoltre ho iniziato a creare dei pacchetti gruppo più strutturati come il Pacchetto di Pasqua : Dieci giorni di : Yoga, respirazione, isole, cucina, ma tutto al femminile.

Inoltre collaboro con agenzie e Tour operator locali e compagnie di navigazione. Per informazioni, preventivi ed itinerari scrivetemi a: info@domaniparto.com

Pin It on Pinterest