Assicurazione Viaggio Thailandia: quale scegliere

Assicurazione Viaggio Thailandia: quale scegliere

Quando pianificate un viaggio in Thailandia ( in verità in tutto il mondo), uno dei primi pensieri deve andare all’assicurazione sanitaria di viaggio. Prima di raccontarvi la mia ultima esperienza in ospedale e quanto avrei dovuto sborsare se non avessi avuto l’ assicurazione, vi racconto come è strutturata la sanità Thailandese. Così per farvi un’ idea.

Come è strutturata la sanità in Thailandia

La prima cosa da dire è che la Thailandia ha uno dei sistemi sanitari migliori al mondo. Nel 2002 Il paese ha avviato un programma di copertura universale aperto alla gran parte dei cittadini Thailandesi la maggior parte dei quali, riceve copertura sanitaria attraverso questo schema di copertura universale. I dipendenti pubblici ed i loro familiari invece ricevono la copertura sanitaria attraverso il sistema di welfare del servizio civile. I dipendenti privati spesso sono coperti da un sistema di previdenza sociale sostenuto dai contributi salariali. Anche gli stranieri e gli expat che svolgono lavori nel settore privato, con regolari contratti di lavoro, hanno diritto a questa copertura.

I Turisti invece devono stipulare un’assicurazione di viaggio prima della partenza che copra l’intero soggiorno. Anche se non è abbligatoria per entrare nel paese, farla è fondamentale. Il costo degli ospedali Internazionali è veramente alto.

Assicurazioni Thailandia: quali scegliere

Assicurazione viaggio Thailandia: la mia esperienza al Bangkok Hospital di Phuket: Novembre – Dicembre 2023

A fine Novembre 2023 sono stata ricoverata all’ospedale Bangkok Hospital di Phuket, il migliore ospedale inernazionale dell’ Isola, a causa di un mal di testa lancinante. Ho inziato ad accusare dolore alla testa un paio di giorni dopo il mio arrivo a Phuket, pensando fosse dovuto allo sbalzo di temperatura e jet leg, non gli avevo dato il giusto peso, fino a quando non riuscivo più a stare in piedi.

Cosa ho fatto quando ho aperto il sinistro

Nel momento in cui ho deciso di recarmi all’ospedale, la prima cosa che ho fatto, prima di chiamare un taxi, è stata quella di telefonare al numero verde dell’assicurazione che ho stipulato. In questo caso S.A.R.A assicurazioni.

Questo è un passaggio fondamentale, perchè l’assicurazione apre subito il sinistro, contattando il referente di zona che si prende carico del caso. Così una volta arrivata in ospedale, ho dovuto solamente mostrare il passaporto e assicurazione.

Cosa è successo una volta arrivata in ospedale

La prima cosa che hanno fatto è stata quella di far venire in pronto soccorso un loro dipendente Italiano, ( questo lo fanno di default nel caso il paziente non parli inglese).

Prima che mi portassero in reparto mi hanno fatto firmare un documento in cui c’era scritto che se in caso l’assicurazione non avesse pagato, le spese le avrei dovute sostenere io. Un documento che ti fanno firmare di default.

Dopo vari esami tra cui: Analisi del sangue, elettrocardiogramma ed una risonanza magnetica con contrasto ( me ne hanno fatte due in 7 giorni) è saltato fuori che avevo una perdita celebro spinale, ovvero mi si era formato un buchino che aveva fatto disperdere il liquido celebrale nella colonna vertebrale. L’unica cosa da fare era intervenire con un blood patch ( letteralmente, cerotto di sangue) Così mi hanno prelevato un bel pò di sangue ed attraverso un’ epidurale hanno irrorato il sangue lungo la colonna. Questa operazione se necessario deve essere ripetuta, ma al momento questo non è accaduto.

Assicurazioni Thailandia: quali scegliere

Quanto è stato il costo di 7 giorni in ospedale

Se non avessi stipulato un’ assicurzione di viaggio, avrei dovuto sborsare di tasca mia per 7 giorni di ospedale 6000 Euro, ebbene si!

In viaggio può succedere di tutto, anche cose che non avresti mai pensato, tutelarsi è fondamentale. Spendere 100/ 200 Euro per un’ assicurazione non è niente. Perchè oltre a rovinarti la vacanza, potresti rovinare la vita dei tuoi familiari che ti devono inviare soldi ( perlomeno, io avrei dovuto fare così)

Quali sono le assicurazioni migliori per la Thailandia.

Personalmente tendo a provare le assicurazioni che consiglio e quindi ad ogni viaggio la cambio, per vedere in caso di necessità che cosa succede ( si sono una pazza, lo so) ma facendo così riesco a capire i pro ed i contro di ognuna:  Axa, Heymondo, S.A.R.A sono le assicurazioni che ho utilizzato  adesso e fatto utilizzare ai miei clienti e familiari fino ad adesso. E vi devo dire che sono state tutte e tre perfette per i casi che sono andati a trattare.

Quando ero in ospedale, ho chiesto al ragazzo Italiano che fa da tramite quali secondo lui fossero le migliori assicurazioni per avere un’assitenza immediata da parte dell’ospedale. Mi ha elencato: Allianz, Europe Assistance, Axa, Hey mondo.

Sono rimasta felicemente colpita da Hey mondo, in quanto, pur sapendo che fosse un’ ottima assicurazione, mai mi sarei immaginata che all’ spedale di Phuket riscuotesse tanto entusiasmo. 

All’ inizio del 2023 ho stretto una collaborazione con loro dove posso offrire ai miei lettori un 10% di sconto sulle polizze. Adesso sono ancora più felice di divulgarlo. 

Qualche suggerimento

  • Quando stipuli un’assicurazione di viaggio pensa attentamente a quello che andrai a fare durante la vacanza. Se sei una persona attiva, che fa sport, stipula un’assicurazione ad hoc.
  • Leggi sempre attentamente le clausole dell’assicurazione, non guardate solo il prezzo.
  • Se vuoi girare in motorino stai attenta all’assicurazione. La Columbus per esempio non copre incidenti che avvengono con motorini superiori a 125 cc, questo è un problema perchè in Thailandia i motorini sono 4 tempi e partono da 150 cc, quindi attenzione!
  • Molte assicurazioni non coprono malattie pregresse, la Nobis, lo fa, La Nobis è un’ altra assicurazione molto molto buona che noi operatori utilizziamo nella programmazione dei pacchetti.
  • Le assicurazioni non coprono più di 3/ 4 mesi. Se decidi di rimanere in Thailandia più tempo devi stipularne, una prima della partenza ed un altra in corso d’opera, non tutte lo fanno, la S.A.R.A lo fa.
  • Le assicurazioni coprono se c’è un ricovero in ospedale.
  • Come hai visto gli Ospedali sono molto costosi, la copertura minima che deve offrire l’ assicurazione di Viaggio è di almeno 100.000 Euro.

 

Se hai difficoltà a trovare un’ assicurazione, (sia per una questione d’età o altro) che vada bene per te, scrivimi a : [email protected] ti metterò in contatto con un Broker che può fare al caso tuo.

 

 

 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest