Cosa sta succedendo in Thailandia al 30 di Luglio? La situazione non è delle migliori, in quanto il governo non ha assolutamente intenzione di aprire il Pese al Turismo internazionale, quale è il motivo? Ha deciso che metteranno la salute pubblica in primo piano. Ma allora cosa hanno deciso? Tutto quanto è descritto qui nell’ articolo di The Thaiger

La fase 6 del piano anti Covid 19 della Thailandia

Il ministro thailandese del turismo e dello sport, Pipat Ratchakitpraan, sta rassicurando i thailandesi spiegando che tutti gli stranieri, indipendentemente dal loro status o dalle loro origini, dovranno servire una quarantena obbligatoria di 14 giorni, almeno “nel prossimo futuro

I funzionari thailandesi stanno attualmente preparando la sesta fase della riapertura del paese, allentando le restrizioni imposte ad aprile quando il paese ha chiuso i suoi confini e ha subito un “blocco”. La prossima fase, prevista per l’introduzione all’inizio di agosto, consentirà ai lavoratori migranti, alle squadre di produzione cinematografica e ai titolari di visto Elite Tailandia di ritornare nel paese .

I commenti del Ministro seguono gli annunci di ieri che il Vietnam sta “evacuando” 80.000 persone dalla città costiera centrale di Da Nang dopo un nuovo gruppo di casi di diffusione della comunità e l’accelerazione di nuovi casi in diverse parti del mondo, in particolare India, Russia, Stati Uniti , Paesi sudamericani e Sudafrica. E piccole onde secondarie emerse in luoghi come Singapore, Giappone, Spagna, Hong Kong e Australia.

Da quanto Tempo non si registrano casi in Thailandia?

La Tailandia non ha registrato casi trasmessi localmente di Covid-19 per oltre 2 mesi. Ma continua a identificare i rimpatriati tailandesi appena infetti che sono tornati indietro dall’estero. Tutti vengono identificati mentre servono la loro quarantena di 14 giorni. I suoi commenti versano anche acqua fredda sulle “bolle di viaggio” proposte, indicando che saranno accantonate fino a fine anno, se verranno introdotte. Il governo thailandese, sotto la guida del Covid-19 Centre for Situation Administration, si è dimostrato estremamente avverso al rischio quando si tratta della gestione in corso della pandemia di Covid-19 e ha pubblicamente affermato che sta mettendo la salute pubblica davanti a rilanciare la sua economia.

Come preparare la valigia con Bambini

Il 1 ° luglio termineranno tutti i blocchi in Thailandia, compresi i viaggi internazionali.

Questo é il titolo con il quale il The Thainger ieri ha annunciato il fine del lockdown Thailandese, ma sarà veramente cosi? Visti gli innumerevoli dietrofront delle ultime settimane non mi stupirei che cambiassero idea  ancora una volta e lo portassero a fine estate. Anche per quanto riguarda la riapertura dei Voli Internazionali, l’idea era quella di riaprire le tratte internazionali addirittura ad Ottobre, quindi le idee sono ancora piuttosto confuse. Comunque incrociamo le dita e vediamo che cosa succede intanto vediamo subito che cosa dice nello specifico l’articolo 

La Riapertura della Thailandia al Mondo: quali sono le norme di sicurezza

Il governo thailandese afferma che toglierå tutti i blocchi alle attivitå rimanenti dal 1° luglio, secondo il capo del Consiglio di sicurezza nazionale. “Ciò include i viaggi interprovinciali e internazionali, nonché la fine del decreto di emergenza e il coprifuoco.”

L’eliminazione di tutte le restrizioni, imposte ai sensi del decreto di emergenza del paese, sarebbe una “riapertura completa del paese”. I funzionari e la CCSA  (Comitato per il coordinamento delle attività statistiche) trascorreranno il mese di giugno preparandosi per questo traguardo nella strategia Covid-19 relativamente riuscita del paese.
Ma la “fine di tutte le restrizioni” significherà che alcune misure rimarranno in vigore come parte della nuova normalità per i comportamenti sociali. Questo può essere emanato in base alle leggi esistenti e potrebbe includere una continuazione sull’uso delle maschere per il viso, ad esempio, ma nulla di tutto ciò è stato deciso in questa fase. “Le autorità discuteranno seriamente perché dopo la fine del decreto di emergenza verranno utilizzate altre leggi”. Il segretario generale del Consiglio di sicurezza nazionale Somsak Rungsita ha affermato che la cooperazione delle persone è importante.
” Finché la malattia si diffonderà in tutto il mondo, dovremo lottare contro di essa per un po “. Il generale ha affermato che il decreto di emergenza rimarrà fino alla fine di giugno e fino a quel momento il divieto di viaggiare all’estero.
Domani 1° giugno iniziera’ la fase 3
Una terza fase di riapertura è prevista per il 1° giugno: domani è previsto un annuncio sulla revoca delle restrizioni della terza fase. Si prevede inoltre che le ore del coprifuoco saranno ridotte per giugno. Alcune delle
restrizioni e delle pratiche burocratiche necessarie per i viaggi interni saranno  alleggerite nel mese di giugno.
Traffico Bangkok
Lunedì 18 Maggio in Thailandia inizierà la fase 2 che porterà alla riapertura di alcuni esercizi. Finalmente nella Terra dei sorrisi sta succedendo qualcosa di concreto. Nonostante ci sia poca chiarezza nelle regole da seguire, la Thailandia sta cercando di tornare alla normalità visto le enormi perdite economiche.
Nei trasporti la prima conferma ufficiale arriva dalla compagnia di Stato Transport Company che ha annunciato di aprire 7 rotte nella regione settentrionale e 9 rotte nelle regioni nord-est e orientali “per facilitare le persone che hanno bisogno di viaggiare dopo che la compagnia di trasporto ha temporaneamente sospeso il servizio a causa di la situazione epidemica di Covid-19 “. Ottima notizia!
 Verranno prese delle precauzioni come:
  • I posti a sedere all’interno del bus saranno distanziati di almeno 1 metro di distanza
  •  i servizi igienici verranno puliti prima e dopo ogni servizio.
  • Prima che i passeggeri entrino nel terminal, verrà misurata  loro la temperatura corporea e se supera i 36,5 gli verrà negato l’accesso
  • Il bus verrà parcheggiato sotto ala sole 1-2 ore al giorno

Sfortunatamente l’apertura de l’areoporto nazionale di Phuket doveva essere quest’ oggi,( 16 Maggio) ma è stata rimandata a data da definirsi. 

Stazione Bus

Il Governo Thailandese e la fase 2

Il governo ha annunciato quali sono le tipologie di attività che saranno autorizzate a riaprire il 18 Maggio quando inizierà la “Fase 2” del suo piano in 4 fasi per sbloccare lentamente e riaprire le attività chiuse in tutto il paese a causa di Covid-19. Intendiamoci, questa è la lista pubblicata oggi, potrebbe cambiare! 

La Thailandia sembra aver avuto un notevole successo nel controllo della diffusione del virus, con diverse settimane di aumenti giornalieri a più nessun caso. Quindi, come promesso, il governo ha annunciato che decine, se non centinaia, di migliaia di imprese chiuse riapriranno questa domenica e rimetteranno milioni di persone al lavoro.

  • Le Spiagge rimarranno chiuse almeno fino a fine mese.
  • Centri commerciali. I luoghi di intrattenimento nei centri commerciali, come piste da bowling, bar, parchi a tema, karaoke, sale giochi e aree gioco rimarranno chiusi per ora.
  • Negozi di massaggi e le terme rimarranno chiusi, dentro o fuori dai centri commerciali. Il governo ha deciso di non andare avanti con un piano per aprire negozi di massaggi ai piedi solo in questo momento, quindi tutti i negozi di massaggi devono rimanere chiusi fino a una fase futura. Ciò include anche bagni di vapore, bagni di vapore alle erbe e saune.
  • Ristoranti più grandi, compresi i ristoranti nei centri commerciali, con l’avvertenza di rigide norme igieniche  fisico possono aprire
  •  Al momento non è consentita la vendita di alcolici nei ristoranti di alcun tipo.
  • I negozi al dettaglio, i negozi all’ingrosso, ecc. Potrebbero riaprire. Ciò include negozi di forniture per ufficio, negozi per la casa, negozi di elettronica, negozi di mobili, negozi di materiali da costruzione e tutti i grandi mercati, con requisiti adeguati di igiene e distanza fisica.
  • Alcune cliniche di bellezza possono riaprire, in particolare quelle con lavori di pelle e laser, ma al momento non quelle relative al viso.
  • Le cliniche di controllo del peso, i negozi di tatuaggi e piercing ecc. Rimarranno chiusi.
  • Alcune piccole palestre e piscine potrebbero riaprire, con regole rigide e non per riunioni o feste. per quanto riguarda le piscine.
  • Musei, biblioteche pubbliche, parchi di fiori e giardini, gallerie d’arte possono riaprire. È necessario osservare una distanza fisica rigorosa.
  • Luoghi per le riprese di film e video che richiedono un team di produzione. Il limite è di 10 persone sul set e un totale di 50 persone in produzione e nella sede in generale. I film d’azione o gli spettacoli con scene d’azione non devono essere girati in questo momento.
  • Alcune piccole sale riunioni in luoghi come gli hotel possono riaprire, anche se il numero di persone deve essere piccolo.
  • Nessuna apertura di seminari di formazione, centri congressi, ecc.
  • Per quanto riguarda gli hotel, rientrano in norme e regolamenti diversi e non sono chiusi in tutte le province.
  • Gli hotel possono aprire quando lo desiderano, anche se in diverse province gli ordini precedenti che informano la chiusura di tutti gli hotel si applicano ancora fino al termine del decreto di emergenza, quando possibile.
  • i locali come bar, locali notturni, club, karaoke e simili rimangono chiusi fino a una fase futura.

 

Pin It on Pinterest