Come preparare la valigia con Bambini

Come preparare la valigia con Bambini

Come preparare la valigia con Bambini? Ma come faccio con il cibo, mi posso fidare? Come posso organizzarmi al meglio? Queste sono alcune tra le tante domande più gettonate che le mamme si fanno prima di un viaggio con bambini piccoli. Domande giuste soprattutto la prima volta che ci rimuove con tutta la famiglia in un luogo lontano come potrebbe essere la Thailandia. Elisa Scuto di Piccoli grandi viaggiatori ci spiega passo passo come organizzare la valigia perfetta, applicabile un pò a tutte le destinazioni. Tanti buon consigli per una partenza no stress. Avete domande? Fatecelo sapere nei commenti!

Anna con valigia Come preparare la valigia: Organizzazione e Buon senso

Le prime volte che si parte in viaggio con bambini piccoli c’è sempre il dubbio su cosa mettere in valigia. Le parole d’ordine sono organizzazione e buon senso, ma qualche dubbio è normale. 

Si tratta di acquisire un metodo, come in tutte le cose. Una volta acquisito, sarete meno agitate all’idea di fare i bagagli con bambini, e le variazioni da una destinazione all’altra non vi faranno paura. Ci sono molte differenze tra partire per una meta fredda, una calda, una meno vicino alla nostra cultura, etc. ma alcune semplici regole valgono praticamente ovunque.

Il mio primo consiglio, è sempre di dividere la roba preparando un borsone o uno zaino da tenere sempre con voi con gli oggetti che serve tenere più a portata di mano. Qui, o direttamente insieme al vostro, inserite prima di tutto il documento di identità del bambino. Carta di identità o passaporto a seconda del regolamento del Paese d’ingresso. Consultate sempre per tempo i siti delle varie ambasciate/consolati o quello del nostro Ministero esteri.it. Oltre ai documenti qui metterete, ad esempio: fazzoletti, salviette, acqua e altre bevande, snack, piccoli oggetti di intrattenimento e ovviamente il necessaire per il cambio se i bimbo porta ancora il pannolino, completo di: pannolini di scorta e un cambio completo di ricambio dalla A alla Z. A seconda di dove andrete potrebbero aggiungersi cappellino, k-way e repellente per zanzare… Se viaggiate in aereo occhio solo a posizionare i liquidi altrove se superano i 100 ml.

Le Regole per una Valigia Perfetta: le medicine

Per quanto riguarda la valigia vera e propria, invece, inizio con il dirvi di prestare attenzione al beauty case. Io ne preparo sempre due, uno per gli adulti e uno per i bimbi, così sarà più facile trovare la roba quando la cercate. Qui, per i bimbi cercate sempre di includere una scorta delle medicine più comuni. Più sono piccoli e più la meta in cui andrete è “lontana”, linguisticamente e culturalmente, più questa accortezza è fondamentale per evitarvi inutili ansie o ricerche disperate con traduttori online e consulto medico dei farmaci corrispondenti. Dico che è importante più che mai quando i bambini sono piccoli perché non conosciamo ancora tutte le loro eventuali allergie, etc. Perciò i farmaci abituali, già assunti, offrono sicuramente maggiori garanzie. Cosa mettere dentro? Un antipiretico, un antinfiammatorio, un antibiotico generico previa consultazione del pediatra, uno spray per lavaggi nasali, eventualmente uno sciroppo per la tosse e un anti nausea se ne soffre, una crema anti infezione come il Gentalin,  utile anche soltanto in caso di reazione a puntura di insetto. A proposito di queste ultime, io porto sempre anche un repellente per zanzare kids friendly e un gel dopo puntura. Se il bambino ha delle patologie o allergie specifiche chiedete aiuto al pediatra, vi potrà consigliare di portar dietro altri eventuali farmaci.

Parlato di farmaci passiamo alle cose pratiche, un adattatore per corrente se andate all’estero e pensate di poter trovare un attacco diverso. Se sapete il tipo quelli specifici per Paese funzionano meglio, se no esistono gli universali. Così eviterete che accessori essenziali come scalda biberon, etc. non vi funzionino una volta sul posto! 

Come preparare la valigia con Bambini

Il cibo: come comportarsi in Viaggio

Per la pappa se viaggiate in fase di svezzamento valutate, a seconda anche del vostro stile genitoriale e di viaggio, se portare alcune pappe preferite stile omogeneizzato di carne o pesce, minestre liofilizzate etc. Questo ovviamente solo se andate all’estero e in Paesi un po’ diversi dal nostro. Vi assicuro che già in UK, almeno fino a un paio di anni fa, era quasi impossibile trovare un omogeneizzato di sola carne o pesce. Loro amano mischiare mille ingredienti insieme e non è detto che a voi o vostro figlio piaccia. Se invece la cosa non vi preoccupa tanto meglio.

In ogni caso, se non avrete tutte le sere cucina a disposizione in appartamento/residence, potreste valutare di portare un pentolino, più posate, piatto e mini piastra elettrica per poter cucinare sempre e ovunque una pappa d’emergenza.

 

Consigli sui vestiti da portare in Viaggio

Per il vestiario, vi dico solo di portare sempre un k-way e/o un poncho antipioggia e delle scarpe comode e chiuse, proprio per non bagnarsi i piedi se piove. Anche degli occhiali da sole e una crema solare non guastano mai. Per l’abbigliamento vero e proprio consultate il clima della vostra destinazione nel periodo in cui andrete voi. 

Io vi lascio solo un consiglio sulla quantità! Non esagerate e siate realistici! Contate i giorni che starete via e non portate mai più abiti del necessario. Preferite abiti comodi e non roba elegante ma scomoda che probabilmente non gli metterete mai durante la vacanza!

Per la nanna non scordate il pigiama, un’eventuale copertina da utilizzare anche nel passeggino/carrozzina o in aereo, il pupazzetto della nanna se ne ha uno da cui non si separa.

Poi se il bimbo ha dai tre anni in su vi consigliamo il tablet, come ancora di salvezza per lunghi viaggi in auto o aereo o per salvare la situazione in eventuali cene al ristorante.

Se il bambino è molto piccolo, oltre all’attuale mezzo di locomozione che imbarcherete non dimenticate anche un marsupio/fascia porta bebè per le situazioni in cui il passeggino sarà off limits. Se prevedete anche tante camminate o trekking valutate anche di portare l’apposito zaino porta bimbo.

 

Come ho organizzato il primo viaggio con mia Figlia

Come ho organizzato il primo viaggio con mia Figlia

Cinque anni fa mia figlia Anna ha fatto il suo primo viaggio in Asia, aveva 1 anno. Siamo state 10 giorni in Srilanka e 20 giorni in Thailandia. Eravamo io, lei e mia mamma ( santa Donna) e ci siamo divertite moltissimo. Ho organizzato tutto a modo mio, seguendo l’istinto. Ho preparato l’itinerario studiandolo bene: ho partecipato a forum tematici, ho comprato la Lonley Planet  dello Sri Lanka e della Thailandia ( guarda la guida completa su Phuket)  Ho consultato blog di nicchia, ho chiesto consigli a chi c’era già stato. Ho cercato di organizzare l’itinerario al meglio cercando i posti più adatti ai bambini. Ho inserito: Storia, Natura, Isole, città e divertimento ed è andata bene. Ho prenotato solamente i voli ed il primo Hotel, quello a Colombo il resto lo abbiamo prenotato in loco.

Il primo viaggio con mia figlia - VALIGIA CON PELUCHE-

Come ho preparato la valigia:

Ovviamente, nel preciso momento in cui ho iniziato a a preparare le valige le ansie e le preoccupazioni si sono fatte vive. Sono state tante le domande che mi sono posta in quel preciso momento:

“Ma farò bene a portare una bambina così piccola in giro? No ho prenotato niente, mi troverò in difficoltà?  Ma soprattutto : Che cosa mangerà?”

Ed allora, per sentirmi più sicura e meno sciagurata  ho preparato:

#1  trolley con ogni  tipo di pappine- dal minestrone alla  pasta al sugo,  passando per un set di omogeneizzati alla frutta…”povera bambina avevo intenzione di avvelenarla seriamente!”
#1 Borsa piuttosto capiente con ogni tipo di medicine dallo sciroppo per la tosse all’ antibiotico in caso di qualche febbre grintosa e strana

#1 Valigia con i vestiti e  le scarpe, per ogni evenienza… ovviamente più suoi che miei

#1 Trolley, il suo trolley, appositamente comprato per questo viaggio con dentro i suoi giocattoli preferiti

 

Come ho pianificato il Viaggio :

Quando viaggiavo da sola sceglievo posticini semplici ed economici, mi spostavo con mezzi di fortuna e mangiavo perlopiù street food, Il tutto sotto il segno dell’avventura e del Low  Budget 

Ma questa volta era diverso, non potevo fare quello che facevo da sola. Oltre a mia Mamma avevo anche una piccina di 1 anno da rispettare e proteggere. quindi cosa fare?

Volevo  conciliare l’ avventura, con la comodità e la sicurezza, ma sempre stando attenta al budget, un casino! Non volevo snaturare troppo il mio modo di vedere il Viaggio. Mi sono organizzata in questo modo trovando il giusto compomesso:

  • Ho prenotato sul posto, perlopiù piccole guest House, con poche camere dove la pulizia era la priorità. (Avevo bisogno di vederle )
  • Per brevi spostamenti abbiamo preferito i minibus
  • Per spostamenti più lunghi ho optato per Treni di terza classe con aria condizionata
  • Abbiamo scelto sempre dei Ristoranti tradizionali con piatti espressi.
  • In Sri Lanka ho contattato un tour operator locale, dove ho prenotato una macchina con autista che ci ha portato nei posti più belli dell’ paese. Ottimo prezzo!
  • In Thailandia abbiamo trascorso qualche giorno a Phuket,  nella tranquillità dell’ ’isola di ko Phayam non troppo lontana dalla terra ferma, qualche giorno a Bangkok, Hua Hin e qualche altro giorno nel meraviglioso parco di Petchbury

 

MONDO PIU BAMBINO

Il Volo:

Passare 11 h di volo con una bambina di un anno non è uno scherzo è impegnativo soprattutto quando occupa il tuo stesso posto. Armarsi di santa pazienza è doveroso, ma oltre a questo, l’ organizzazione è importantissima. Matite colorate, fogli, pupazzi, libri, e più ne ha più ne metta sono fondamentali nella  riuscita del volo. Ovviamente non sono mancate le passeggiate infinite su e giù per il corridoio.

 

mamma e bambino in volo

Alcune info per chi vola con i bambini per la prima volta

  • Le mamme ed i bambini saltano la fila ed entrano in aereo per primi
  • Arrivare in anticipo al banco delle registrazione da la possibilità di avere un posto comodo, quelli in prima fila per esempio hanno più spazio per le gambe e le borse con l’occorrente per il  bambino
  • Non è possibile portare in cabina passeggini o seggiolini, vengono ritirati prima di entrare in aereo e vengono riconsegnati all’ apertura degli sportelli.
  • Di solito i bambini al di sotto dei 2 anni non pagano il biglietto, oppure una minima parte- Dipende dalle compagnie Aeree- quindi non hanno diritto al posto. Al momento dell’ acquisto del biglietto si può richiedere un seggiolino.
  • Durante il volo far bere i bambini, si disidratano moltissimo.
  • Nella fase di decollo o atterraggio far succhiare delle caramelle o fa bere dell’ acqua. La masticazione e la deglutizione aiutano ad evitare che  le orecchie si tappino  e facciano male.
  • Vestire i bambini a strati

 

Come è andata:

Devo dire molto bene, i problemi che mi sono posta prima di partire piano piano sono spariti , all’ inizio era piuttosto preoccupata, ma poi è andata bene, mi sono rilassata. soprattutto grazie a mia mamma.

La bambina ha reagito bene ai cambiamenti, sia al jet – lag che per il caldo. Per quanto riguarda il cibo, poi  dopo la prima settimana di omogeneizzati e pappine insipide ha a chiesto qualcosa di più consistente e gustoso

Accorgimenti presi:

  • Al mare ho sempre coperto  la bambina con una maglietta ed un cappello
  • la mattina e la sera  l’ ho sempre vestita di chiaro per evitare il più possibile le punture di zanzara

Problemi riscontrati:

  • Ho avuto delle difficoltà  al momento della prenotazione in alcuni piccoli Resort perché non accettavano i bambini
  • le strade, Cingalesi e Thailandesi  non sono proprio adatte per  passeggini

 

Avete avuto anche voi esperienze di viaggio? Scrivetele e condividete. È anche grazie ad altre mamme viaggiatrici che sono riuscita a combattere le paure e lasciarmi andare! Buon viaggio!

 

Phuket: Cosa sapere su Rawai

Phuket: Cosa sapere su Rawai

Rawai è il posto più apprezzato ed amato di tutta Phuket (leggi la guida completa): belle spiagge, natura, squisiti ristoranti di pesce, sono le sue tre caratteristiche principali, più una, fondamentale,  la tranquillità. Rawai ha infatti la peculiarità di essere un posto tranquillo, senza troppi fronzoli o locali particolari. Chi decide di trascorre le proprie ferie in questa parte dell’isola, sa che per la movida si deve spostare altrove.

Di  seguito alcune informazioni utili, per sfruttare al meglio questa parte di Isola.

Spiaggia: Phuket: Cosa sapere su Rawai

 

Le spiagge di Rawai: 

Naj Harn: questa bella spiaggia dalla sabbia bianca fine è la più grande e famosa di Rawai. Perfetta sia per gli amanti dell’abbronzatura che per  chi pratica il  famoso Sup. Ottima per le famiglie con bambini – non ci sono motoscafi e moto d’acqua che girano – ed  è per di piu una spiaggia libera.  C’e giusto una zona ombrelloni, dove è possibile affittarli, non molto attrezzata, ma ok. Palme e pini marittimi regalano una zona d’ombra di tutto rispetto, piccoli ristoranti si susseguono uno attaccato all’altro  intervallandosi con negozietti di souvenir e venditori di frutta. Nell’ultima entrata alla spiaggia, quella vicino al grande Hotel bianco – per intenderci- c’e una comoda  zona per lavarsi i piedi.

Ao Sane: Questa piccola e deliziosa spiaggetta si trova  a poche centinaia di metri da Naj Harn. Per arrivarci bisogna imboccare la strada che entra nel grande Hotel bianco, e si prosegue fino alla fine. Una piccola discesa ma ripida porta al ristorante ed alla zona lettini. La spiaggia  è piccola ma graziosa, super gettonata dagli amanti dello snorkeling. Il ristorante affitta maschere e pinne per 50thb.

Ya Nui: Per raggiungere la spiaggia si guida in direzione Pronthop cape. La spiaggia non è grande ma è molto  bella e particolare, durante l’alta stagione è gettonatissima. Ha a una parte che si allunga verso il mare caratterizzata da scogli. Affitto di canoe, ristoranti – 2 – si trovano tutti dal’altra parte della strada.

La spiaggia di Nai Harn

 

Rawai Beach: Questa spiaggia, non è utilizzabile per la balneazione  in quanto  è  utilizzata per l’attracco delle long tail boat, le caratteristiche barche Thai che portano i turisti nelle isolette vicine. Quando c’è la bassa marea  ed il mare si ritira lo sporco emerge rendendo questo posto sporco e inutilizzabile.

 

Cosa vedere a Rawai: Una delle attrazioni principali di questa zona è sicuramente il mercato del pesce,  dove gli zingari del mare,  I Chao leh, piccola comunità  di religione animista, vive solo esclusivamente del pescato del giorno. è possibile comprare il pesce e farselo cucinare in uno dei tanti ristoranti. Negozi di conchiglie,  e prodotti per schiarire la pelle non mancano, lo shopping è assicurato. A poche centinaia  di metri dal mercato, c’e il Museo delle conchiglie, entrata 200 Thb. Uno spazio bello, non grande con negozio annesso. Vale la pena andarlo a visitare anche  per le specie di conchiglie fossili. I mercati sono un altro must da visitare a Rawai. Tutti i giorni escluso il sabato, vengono allestiti, in posti differenti (ma sempre lungo lo stradone principale che porta a Rawai Pier) i mercati settimanali, dagli odori- delle volte sconvolgenti- ai colori magnifici. Si trova veramente di tutto, dal banco del macellaio ai venditori di insetti fritti. Al tramonto, un posto da visitare assolutamente è Promothop cape, uno dei punti panoramici più suggestivi di tutta l’ isola. Altra cosa da visitare sono le piccole gallerie indipendenti di arte riciclata, vere e proprie chicche per appassionati.

 

Mercato Phuket: Cosa sapere su Rawai

 

 

Ristoranti Italiani e pizzerie a  Rawai :

La Pizzeria da Puccio è sicuramente quella più gettonata di Rawai e si capisce benissimo il motivo nel momento in cui assaggi la Pizza. Ottimi ingredienti, forno a legna ed una maestria non comune. Unica pecca di questo Ristorante è la locazione.

Il Ristorante da Arlecchino è un locale piccolo con pochi tavoli ( al momento almeno, stanno cambiando posto) la  bella e simpatica proprietaria, nonché cuoca è Thailandese ma ha vissuto e lavorato più di 10 anni in Italia. Ottimi ingredienti.

Da Cook: Anche questo locale ha la cuochi Thailandesi,  è un bel locale con sale ampie, una con aria condizionata. Il proprietario Massimo intrattiene con musica al piano bar

Da Mario e Maggie: Questo Ristorante è uno dei primi aperti a Rawai , bellissimo, tutto bianco con i soffitti alti, la pizza ‘buona ma le melanzane alla parmigiana lo sono molto di più.

Amalfi  e Portofino : questi due Ristoranti si trovano uno di fronte all’altro, sono buoni entrambi, hanno ampio parcheggio e sono molto gettonati dagli stranieri.

Jungle Bar: Questo posticino è Italo- Australiano, con ottime proposte e piatti del giorno sempre diversi ed appetitosi. Pochi tavoli.

Ristoranti vegani e Vegetariani :

Ci sono due Ristoranti Vegani a Rawai, uno  è il Natural Efe Macrobiotic World, che, oltre ad essere un bel posticino  ha anche uno shop super fornito, piscina relax, Sauna e angolo yoga e meditazione. La Domenica c’e il Buffet. L’altro il Raw Cafe Atzumi è crudista. Ha un bel giardino con una veranda in legno.

Cosa fare la sera a Rawai : 

Rawai non offre grandi locali per la sera, a parte i vari go go bar, che sono sparsi ovunque , anche se in minor quantità rispetto a tanti altri posti. Ha giusto un paio di locali dove la sera si puo’andare a fare due salti:  Il Reggue Bar a Naj harn , dove Dj stranieri  il sabato e la domenica si alternano fino alle 2 di notte ed  il Sushine, nel lungomare di Rawai beach, dove simpatici travestiti cantano e ballano dietro al bancone. Il Rhapsody,  invece si trova  nella parte interna vicino alla strada per andare a Naj Harn. Ha un Giardino con piscina, bar attrezzato, sale massaggi e saune. OttimO per l’aperitivo. Organizzano serate a tema con BBQ. Per gli appassionati di Discoteche e di incontri di ogni genere il Laguna è l’unico posto che esiste.

Dove fare Colazione:

Ci sono tanti posticini da scegliere per una buona prima colazione. Spoonful of sugar è uno di questi,  posto molto accogliente dallo  stile shalby chic, ha una bella veranda spaziosa. Il caffè espresso è veramente molto buono, anche i pancake integrali sono interessanti. Un altro posto degno di nota è il Bakery, il caffe non è il massimo ma le paste, come il cornetto alle mandorle e il saccottino con cioccolata sono squisite. tutti giorni sfornano dell’ ottimo pane integrale. .  Il Tarte Dorè  fa degli ottimi croissant in vero stile francese. Mentre al  Wilson  cafe, va provato lo yogurt con granola e frutta, anche gli smooties sono buonissimi.

Rawai per I Bambini: 

Il Rawai Park è un delizioso parco giochi che si trova a 300 mt da Rawai beach. Al suo interno si trovano: una piscina con scivoli e giochi d’acqua, un bel giardino con zona sabbia per i più piccini, una zona  dedicata alle arrampicate con una bella struttura in legno e corde, una grande tettoia dove ci sono macchinine e tunnel,  una bella sala interna con aria condizionata , dal pavimento morbido con ogni genere di gioco e Peluche, dove si entra solamente con i calzini.( se li avete dimenticati potete comprarli direttamente in loco) C’è un ristorante sempre aperto.

  • Il Parco è aperto dalle 10 alle 20,00
  • Prezzi per i Bambini : dal Lunedì al Venerdì thb 200, Sab e domenica 350 Thb  Per gli adulti sempre 100 thb
  • Dalle 17,00 alle 20,00 entrano gratis 🙂
  • Perfetto per i bambini da uno a 6 anni

Phuket: Cosa sapere su Rawai

 

 

 

Gran Canaria: un’ Isola a misura di Bambino

Gran Canaria: un’ Isola a misura di Bambino

Gran Canaria in generale è una mèta facile e adatta anche a soddisfare i piccoli viaggiatori: la natura (e qualche piccolo allevamento di animali), le spiagge con acque tranquille e poco profonde, corsi di immersioni, i musei, le gite a cammello sulle dune, i parchi a tema e gli zoo…inoltre i parchetti attrezzati in città e gli ampi spazi pubblici….
L’inizio della primavera è un buon periodo per viaggiare con i bambini, dato che il clima è ancora abbastanza caldo per fare vita da spiaggia, senza però essere afoso e i parchi a tema e le varie attrattive non sono troppo affollate.
palmitos park rapaci
Le spiagge: 
 le migliori spiagge  più attrezzate sono: Playa de las Canteras (Las Palmas), Playa del Inglés, Playa de Maspalomas, Playa de Puerto Rico, Playa Amadores e Playa de Mogan. Qui le acque sono poco profonde, la sabbia è bellissima e ci sono varie attività (i pedalò, le escursioni in barca, giochi sulla spiaggia) e inoltre ci sono dei ristoranti e delle gelaterie nelle vicinanze.
Nei ristoranti spesso ci sono menù appositi per i bambini, seggioloni e fasciatoi.
Oltre alle solite bibite inoltre qui si trovano molte “zumerias”, localini dove si possono gustare buonissimi frullati e succhi di frutta fresca e di stagione e inoltre nei bar sono molto popolari una bevanda che si chiama Cola Cao, (al cioccolato) e che viene servita calda o fredda e il Clipper a la fresa, una bevanda gassata alla fragola.
 sioux city
I Parchi a Tema : 
Da non perdere il “Camel Safari Park” una gita di un’ora circa nell entroterra canario desertico sul dorso di un cammello, il “Cocodrilo Park” (coccodrilli e caimani, serpenti, iguana…Sotto la sorveglianza del personale si può dargli da mangiare da vicino. Tartarughe fantastiche, pappagalli, gufi e una tigre bianca enorme e molti altri animali. Al centro del parco è possibile incontrare e toccare serpenti grazie alla collaborazione di una guida), il “Palmitos Park” Ottimo parco naturale, disposto e organizzato molto bene, staff esperto e competente, molto belli anche gli spettacoli con i rapaci e con i delfini, il “Sioux City” parco a tema western style con esibizioni varie, attori molto bravi e divertenti. Si può pranzare al sacco o al saloon dove continua l’ intrattenimento “al tavolo”. Si possono cavalcare cavalli e i per i piccoli mettono a disposizione dei poniesInoltre su tutta l’ isola ci sono maneggi dove si può imparare a cavalcare e dove si possono fare lunghe passeggiate a cavallo e al sud anche a cammello).
Info utlili: 
In genere qui i bambini di età inferiore ai 12 anni usufruiscono di tariffe scontate sui trasporti pubblici e gli ingressi ai vari parchi e se di età inferiore ai 5 addirittura non pagano.
E’ utile sapere che la maggior parte degli autonoleggi affitta seggiolini, che solitamente gli alberghi dispongono di culle e di servizio di mini club o di babysitting, ovviamente meglio prenotare in anticipo!
Non sono necessarie particolari precauzioni sanitarie, ma è indispensabile proteggersi dal sole, soprattutto i più piccoli: creme solari con protezione alta e cappellino, che comunque si possono comprare anche sull’isola.
Post di Eleonora
Malta: 3 attrazioni gratuite per Bambini

Malta: 3 attrazioni gratuite per Bambini

 

Se gradite far divertire i vostri bambini, senza spendere neanche un centesimo e  avere il tempo di leggervi un libro oppure seguire i vostri  social,  ecco a voi 3 posti  da non perdere!

Petting Farm: 

Si trova a Ta Qali vicino alla Mdina,  praticamente attaccato al parco Nazionale amatissimo  dai maltesi che si ritrovano li per il consueto  Pic-nic Domenicale.

E’ una sorta di fattoria/ parco  didattico dove i bambini possono interagire con gli animali come  capre , pecore, cavalli , galline pappagalli ed  animali un po più particolari come l’Emu e il Lama . Una  intera costruzione  è dedicata ai conigli,  decine di gabbie ospitano  buffi animaletti paffuti di tutte le razze e colori. Il parco è dotato di distributori per il cibo sia liofilizzato che fresco così i bambini possono dar da mangiare ai loro animali preferiti. I volontari sono sempre a disposizione per qualsiasi domanda o richiesta. Bellissime le giostre a forma di mucca.

Il parco è apero dalle 6,30 alle 19,30 in inverno e fino alle ore 20,30 in Estate 

Bugibba Water Park: 

Si trova nella parte nord di Malta, Bugibba.  E’ il posto ideale per i bambini che amano sguazzare nell’ acqua , include diversi giochi come: cannone ad acqua, la torre con i secchi ed il tunnel, fontanelle  disseminate  ovunque.

Il Parco misura circa 800 meri quadrati e può ospitare fino a 50 bimbi alla volta e  solamente  loro possono entrare nell’ area gioco, gli adulti possono stare a guardarli comodamente seduti all’ ombra, ai lati del parco.

Aperto da Giugno a settembre dalle 10,00 alle 19,00.

Pembroke Family Park

Si trova a San George, vicino a 2 Hotel molto famosi, il Radisson Blu ed Il Corinthia.  Il parco è stato fortemente voluto dal Ministero del Turimo in quanto  la zona non offriva nessun tipo di servizio per le famiglie ed i turisti  così nel 2012 è stato inaugurato dopo molti anni di lavori . Oltre ad essere un parco attrezzato con un area giochi di tutto rispetto,ha  una zona dedicata a concerti e sedute relax inoltre un fiumiciattolo attraversa tutto il parco sfociando in una piccola cascatella.Il Parco gode anche di una bellissima vista sul Mediterraneo

giostre

 

Aperto dalle ore 8,00 alle 23,00

Pin It on Pinterest